Cronaca Bianca

MARCIANISE - Tifosi imbufaliti con il sindaco De Angelis. La polizia fa annullare la conferenza stampa sulla questione stadio

Nodo cruciale della vicenda l'ingresso del campo sportivo: i tifosi ospiti non possono entrare dallo stesso varco di quelli del Marcianise MARCIANISE - Annullata la conferenza pr


Nodo cruciale della vicenda l'ingresso del campo sportivo: i tifosi ospiti non possono entrare dallo stesso varco di quelli del Marcianise

MARCIANISE - Annullata la conferenza prevista per le 16:45 allo stadio Progreditur di Marcianise. La comunicazione ufficiale è arrivata pochi minuti fa, sulla pagina ufficiale dello stadio, subito condivisa da tutti i tifosi di “Stirpe Marcianisana”. Le motivazioni dell'annullamento della conferenza sarebbero l'assenza di alcune figure fondamentali e un fermo del commisariato che avrebbe convocato la società e successivamente bloccato la la rassegna  per vederci chiaro sugli elementi di disccussione relativi alla messa in sicurezza dello stadio in cui gioca il Marcianise.

La conferenza avrebbe avuto lo scopo di illustrare le soluzioni trovate per arginare il problema della sicurezza.

In particolare il problema dello stadio sarebbe quello della mancanza di un ingresso ospiti, che in base alle norme vigenti non può essere lo stesso della tifoseria locale per questioni di ordine pubblico.

Lo stadio consta invece di un'unica entrata esattamente accanto alla curva sud.

La soluzione era stata già elaborata, al riguardo, ma si è rivelata essere solo provvisoria e riguardava la possibile apertura di un nuovo varco ed una nuova strada con sbocco su via XXV Aprile, ma a quanto pare il raggiungimento di un accordo tra società e amministrazione comunale subisce ancora una volta un rallentamento. In poche parole su questa vicenda il sindaco De Angelis non solo non riesce ad uscirne e nel contempo ad elaborare soluzioni che in tempi brevi consentono allo stadio di essere a norma per ospitare le partite.

Al Marcianise era inoltre stata garantita la possibilità di disputare partire fino al 31 ottobre di questo anno, dopodiché sarà necessario decidere il da farsi.

 

Gaetana Tartaglione