Cronaca Nera

SANTA MARIA A VICO - Scoperto un raro frammento in pergamena d'agnello nella Biblioteca Oblata "S. Eugenio de Mazenod"

Durante la catalogazione degli oltre 20mila volumi custoditi presso la Biblioteca Oblata, è stato ritrovato un prezioso un frammento manoscritto di 8 pagine in pergamena di agne


Durante la catalogazione degli oltre 20mila volumi custoditi presso la Biblioteca Oblata, è stato ritrovato un prezioso un frammento manoscritto di 8 pagine in pergamena di agnello, proveniente da un libro liturgico con cui successivamente fu rilegato un testo cinquecentesco del convento francescano osservante di Gesù e Maria di Foggia SANTA MARIA A VICO - E' ufficialmente partita la scorsa settimana la catalogazione dei 20mila volumi custoditi presso la Biblioteca Oblata "S. Eugenio de Mazenod" di Santa Maria a Vico. Questo luogo raccoglie testi a partire dal 1400 fino ai giorni nostri, opere che sono state custodite per anni dai Padri Oblati che, con il loro impegno, hanno impedito che questo patrimonio andasse perduto. Attualmente si tratta della Biblioteca più grande della Valle di Suessola e della Diocesi di Acerra che porta il nome del fondatore dei Padri Missionari Oblati di Maria Immacolata tale Eugenio de Mazenod, nobile francese che scappò dalla Francia rivoluzionaria del 1789, trovando rifugio in Italia. La raccolta di testi si è arricchita nel tempo di volumi toccando quota 20.000 tra libri ed opuscoli, tra cui spiccano numerosi testi rari come il Calepino o l'Enciclopedia Treccani datata anni 30, il cui tomo "fascismo" fu dettato direttamente dal duce, Benito Mussolini. Tanti i testi dedicati alla predicazione e quelli di autori greci e latini; religione, vita dei santi, teologia, storia, letteratura: queste le tematiche. Il primo elemento "decifrato" grazie alla catalogazione avviata in questi giorni è un frammento manoscritto di 8 pagine in pergamena di agnello di un libro liturgico con cui successivamente fu rilegato un testo del 500 proveniente dal convento francescano osservante di Gesù e Maria di Foggia; questo frammento, in discrete condizioni, riporta testo musicale e note non scritte sul pentagramma (diffusosi dopo il XIII secolo) ma su due linee, una rossa per indicare il Fa e una gialla per indicare il Do. Pasquale Onorati, direttore della Biblioteca Oblata è particolarmente entusiasta: "La catalogazione digitale è finalmente cominciata e sta andando per il meglio; questo frammento è uno dei più importanti mai ritrovati ma abbiamo scoperto anche altre particolarità come dei manoscritti del 700 di S. Eugenio e di S. Alfonso. Dopo aver catalogato almeno 4.000-5.000 volumi vorremmo organizzare una mostra nei prossimi mesi che raccolga le opere più importanti". Ma quando la struttura sarà aperta al pubblico? "Molto probabilmente il prossimo anno dopo il completamento della catalogazione". Da non dimenticare poi che i laureandi in beni culturali della seconda Università di Napoli avranno molto presto l'opportunità di terminare la loro formazione presso la Biblioteca Oblata: "Siamo aperti inoltre a nuove convenzioni con le Università" aggiunge Onorati. "Abbiamo dato il nome del fondatore dei Missionari Oblati a questa struttura ma in realtà la Biblioteca era già dedicata a S. Eugenio così come provano il ritrovamento di volumi utilizzati all'epoca della sua fondazione: non volendo" conclude Onorati "stiamo seguendo anche nel nome una tradizione già indicata proprio da Eugenio de Mazenod". Sarà l'Associazione Civiltà 2.0 di S. Maria a Vico a gestire le aperture della Biblioteca e a permettere ai futuri visitatori di poter ammirare le sale che ospitano i volumi grazie ad una convenzione firmata lo scorso settembre tra l'Associazione ed i Padri Oblati. Per seguire tutte le curiosità e l'andamento della catalogazione dei volumi presenti nella biblioteca Oblata di Santa Maria a Vico si può seguire la relativa pagina facebook a questo link: http://www.facebook.com/bibliotecaoblata.smav. Maria Valentino