Cronaca Bianca

CASERTA - Hanno impedito a don Patriciello di parlare nello stadio Pinto. Super polemica in vista

A quanto pare, tutto era stato organizzato per un intervento del sacerdote fondatore del movimento "La terra dei Fuochi" prima della partita dei falchetti. Poi l'improvviso contro


A quanto pare, tutto era stato organizzato per un intervento del sacerdote fondatore del movimento "La terra dei Fuochi" prima della partita dei falchetti. Poi l'improvviso contrordine. I componenti casertani dell'associazione sbigottiti e furiosi   CASERTA – Resta un giallo il motivo per cui il sacerdote di Caivano don Maurizio Patriciello non è riuscito a prendere la parola ieri pomeriggio, allo stadio Pinto, prima della partita del campionato di seconda divisione tra Casertana e Castel Rigone. A quanto si è saputo, la presenza di don Patriciello, ben accolta dalla Casertana Calcio, era stata veicolata da alcuni esponenti del suo movimento o gruppo aperto “La terra dei fuochi”, che contribuiscono alla sua battaglia, testimoniandola nella città capoluogo. Non si sa bene cosa sia successo, fatto sta che don Patriciello la parola non l’ha presa, e i componenti del suo movimento sono letteralmente furiosi, al punto da annunciare dure prese di posizione. Ma chi sarà il bersaglio di queste accuse? Non si sa da chi sia partito l’ordine e soprattutto, se c’è stato un ordine dall’alto, quale ne sia stato il motivo. Cercheremo di capirci qualcosa in più.   G.G.