Cronaca Nera

CAPUA - Quasi uccide (sul serio) a calci e pugni la madre. Poi l'adagia sul letto e scappa. ARRESTATO

Il 45enne, dopo aver asciugato il sangue, ha chiamato la sorella. E' stato ammanettato dai carabinieri della locale Compagnia  CAPUA - Colpito da un improvviso raptus di viol


Il 45enne, dopo aver asciugato il sangue, ha chiamato la sorella. E' stato ammanettato dai carabinieri della locale Compagnia  CAPUA - Colpito da un improvviso raptus di violenza Giuseppe Sabatella, 45enne di Capua ha aggredito con calci e pugni la madre, all’interno della propria abitazione, facendole battere il capo contro alcuni mobili, riducendola in fin di vita. Resosi conto di ciò che aveva fatto, ha adagiato la povera madre sul letto, provvedendo nel contempo a ripulire il pavimento sporco di sangue, allontanandosi poi dall’abitazione non prima di aver avvisato, telefonicamente, la sorella di ciò che aveva fatto. Sul posto è intervenuto il personale del 118 che immediatamente ha allertato i Carabinieri della Compagnia di Capua, i quali oltre ad effettuare i rilievi del caso sul luogo dell’aggressione, si sono messi alla ricerca dell’uomo, rintracciandolo nei pressi della sua abitazione. La vittima è stata trasportata presso l’Ospedale di Santa Maria Capua Vetere, dove quei sanitari le hanno riscontrato numerose ferite, riservandosi la prognosi, giudicandola in pericolo di vita. Giuseppe Sabatella, 45enne di Capua è stato quindi arrestato con l’accusa di tentato omicidio e rinchiuso presso la  Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere.