Politica

AVERSA - Vargas e Palmieri già hanno salvato Sagliocco una volta. Ora Zinzi chiarisca se fanno ancora parte dell'Udc

I due, prima hanno firmato il documento di autosospensione da ogni attività istituzionale, poi hanno garantito il numero legale, che, altrimenti non ci sarebbe stato nella seduta


I due, prima hanno firmato il documento di autosospensione da ogni attività istituzionale, poi hanno garantito il numero legale, che, altrimenti non ci sarebbe stato nella seduta di Consiglio dedicata alla surroga di Morra e che è stata usata dal sindaco, con la complicità del presidente del Consiglio, Peppe Stabile, come test in vista dell'approvazione del Bilancio AVERSA - I fratelli Palmieri, oggi, ma anche quando era vivo Fiore Palmieri, sono persone rispettabilissime, ma forse rappresentano una delle punte più avanzate, sarebbe meglio dire, arretrate, di una politica tardo novecentesca in cui l'elemento del potere, connotato emblematicamente dalla poltrona e dagli interessi clientelari, rappresenta la ragion d'essere dello stare in politica. Nel momento in cui il sindaco Sagliocco ha abbracciato, in queste ultime due settimane, il modello Palmieri, ha ancora una volta dimostrato che tutto quello che diceva e predicava prima delle elezioni comunali era solo aria fritta, strumentale ad un disegno, a sua volta, esclusivamente finalizzato all'esercizio di un potere fine a se stesso. Sagliocco corteggia i consiglieri comunali Palmieri e Vargas per garantirsi i numeri per il bilancio. Le prove generali, complice il presidente del Consiglio Peppe Stabile, le ha fatte nell'ultima seduta, quella con cui, nei 10 minuti sufficienti alla surroga di Morra con Pandolfi, il sindaco si è visto garantire il numero legale proprio dalla presenza dei due consiglieri Udc, che da un lato hanno firmato un documento con cui il partito di Zinzi annunciava l'auto sospensione da ogni attività di giunta e consiliare, dall'altro esercitano pienamente l'attività consiliare, divenendo un fattore decisivo della tenuta politica di Sagliocco, anche nel momento in cui, come è capitato oggi, venerdì, Vargas convoca la commissione consiliare al bilancio e alle finanze. Ieri, giovedì, Zinzi ha chiamato a rapporto assessori, consiglieri e dirigenti cittadini del suo partito, ribadendo la necessità di mantenere salda la posizione di contrasto, ma anche di richiesta di confronto con Sagliocco. Ma a questo punto, girarci attorno non serve più. Zinzi e la segretaria provinciale D'Ambrosio devono dire con chiarezza se Vargas e Palmieri fanno ancora parte del partito dell'Udc. G.G.