Cronaca Nera

Ammazzò un giovane travolgendolo con l'auto. La Pm Cozzolino: "Ergastolo!".

Ieri, lunedì, il pubblico ministero ha chiesto il massimo della pena per Carmelo Arciero, considerando l'atto pienamente volontario. La parte civile si è associata alla richiest


Ieri, lunedì, il pubblico ministero ha chiesto il massimo della pena per Carmelo Arciero, considerando l'atto pienamente volontario. La parte civile si è associata alla richiesta della Procura. Il 7 ottobre la stessa parte civile completerà la discussione, prima della sentenza CELLOLE - Condotto davanti alla prima sezione della Corte di Assise di S. Maria Capua Vetere presieduta dalla dott. ssa Napoletano, Carmelo Arcieri imputato di omicidio volontario e accusato di aver investito con coscienza e volontà il giovane Antonio Passaro di Cellole e di aver spacciato sostanze psicotrope. Il processo dopo una lunga istruttoria dibattimentale,  che ha visto testimoniare tantissime pertsone nonchè consulenti per spigare la dinamica dei fatti, ieri, lunedì  ha visto concludersi la fase del dibattimento della Pubblica Accusa e del difensore di una delle costituite Parti civili: l'avvocato Francesca Mastracchio che ha insistito e sposato le richieste della Procura. La dott.ssa Gerardina Cozzolino investita del ruolo dell'accusa dopo una dettagliata requisitoria ha formulato una pesantissima richista di pena, ovvero il massimo previsto per tale reato, l'ergastolo con l'isolamento diurno. La requisitoria del P.M. e la discussione della Parte Civile che hanno richiesto l'interara mattinata, ha indotto la Corte ha rinviare al  7 ottobre, il processo, per la discussione dell avvocato Luigi Iannettone difensore dell'altra Parte Civile costituita ovvero la madre della vittima, nonchè dell'avvocato Antonio Gallinaro difensore dell'imputato; pertanto probabilmente per tale data sarà prevista anche la sentenza e quindi l'esito di un processo che tanto ha appasionato i cittadini della località rivierasca.