Politica

Paternosto in prima fila giusto per far capire chi comanda in ospedale. Ecco i nomi dei primari presenti al convegno di Paolo Romano

Altre spigolature sull'evento di ieri pomeriggio, venerdì, svoltosi nell'hotel Europa in via Roma, a Caserta CASERTA - Se qualcuno nutriva ancora qualche flebile dubbio sul fa


Altre spigolature sull'evento di ieri pomeriggio, venerdì, svoltosi nell'hotel Europa in via Roma, a Caserta CASERTA - Se qualcuno nutriva ancora qualche flebile dubbio sul fatto che l'ospedale civile di Caserta aspira, secondo il disegno dei dirigenti della struttura sanitaria, a diventare , in sostanza, una dependace di Paolo Romano, questo dubbio è scemato definitivamente ieri pomeriggio, quando il direttore sanitario dell'azienda ospedaliera, Diego Paternosto, con gesto ostentato, è andato a sedersi in prima fila, al fianco dell'assessore provinciale Donato Affinito, allo scopo di far vedere a tutti, soprattutto ai primari, quale sia il politico a cui giurare fede e a cui dare i voti alle prossime europee qualora Romano si presentasse. Oddio, non è che la risposta dei primari sia stata entusiastica. Erano 4 quelli presenti nella saletta convegni dell'hotel Europa. C'era Ferdinando Salzano De Luna, primario della chirurgia oncologica, in passato fedelissimo di Gigino Cesaro e di Nicola Cosentino, oggi, salito,evidentemente, sul carro di Romano. C'era Attilio Romano, primario della neonatologia, anche lui sensibile al vento che tira, come ha dimostrato, sempre nella sua carriera professionale e anche in quella politica, seppure brevemente esercitata. Poi c'era Anna Gargiulo, della medicina interna, e infine il sessano Forte. Questi i pezzi da 90. Si sono notati, tra gli altri, il consigliere comunale polveriniano Tenga che, probabilmente, tiene molto al destino del fratello, entrato negli organici dell'ospedale grazie a Polverino e che ora ci vorrebbe rimanere, evitando il ritorno all'attività di travet del comune grazie a Paolo Romano. Infine c'era la responsabile dell'organizzazione della direzione sanitaria, la già nota ai nostri lettori, signora Bonetti, oltre a qualche infermiere e a qualche altro ausiliare. Sul fronte dei politici nessuna sorpresa per Caserta con Affinito, Garofano. Una sorpresa invece si è registrata a Cancello ed Arnone con a presenza inopinata del sindaco Pasqualino Emerito. Giusto per chi non lo sappia, il suo rivale, anzi nemico, Ambrosca, è stato il punto di riferimento della segreteria di Paolo Romano in regione. Evidentemente hanno litigato. G.G.