Politica

Ambito sociale c6. Rani Pagano approva il piano di zona, l'opposizione lascia l'aula e tuona: "E' illegale"

Dura presa di posizione del consigliere di minoranza Francesco Luongo CASALUCE - Degli avvenimenti complicati e non certo edificanti dell'ambito C6 dei servizi sociali abbiamo


Dura presa di posizione del consigliere di minoranza Francesco Luongo CASALUCE - Degli avvenimenti complicati e non certo edificanti dell'ambito C6 dei servizi sociali abbiamo scritto tanto. Al tempo, prendemmo posizione a favore delle ragioni del comune di Casaluce che poteva vantare su un'ampia maggioranza dei componenti dell'ambito che lo avevano indicato qualche comune capofila. Ma tutto era bloccato da un asse non certo fatto di idillio e violini tra l'amministrazione comunale di Aversa, al tempo guidata da Ciaramella e il comune di Succivo, che aveva in mano il pallino dell'ambito. Dopo la vittoria di Sagliocco, ad Aversa, quelle che erano le giuste ragione a Casaluce hanno finalmente prevalso. Ma speriamo che l'ambito C3 non sia passato dalla padella alla brace con una semplice sostituzione della ragione del potere spostata da un comune all'altro. Di questo è convinto, sicuramente, il consigliere comunale di opposizione di Casaluce Francesco Luongo, il quale racconta a Casertace quello che sarebbe successo alcuni giorni fa nell'assise cittadin, quando il comune di Casaluce ha approvato in extremis, proprio nell'ultimo giorno utile, cioè il 16 settembre, la delibera che ha consentito la presentazione del piano di zona. Così racconta il consigliere Luongo: "Il sindaco Pagano convoca il consiglio comunale venerdì sera per il lunedì successivo, 15/09. Dopo due anni di commissariamento si arriva all'ultimo giorno con una convocazione di urgenza per approvare il piano dei nove consiglieri di maggioranza (tre passarono all'opposizione tempo fa) ne sono presenti solo 8, l'assente è l'assessore con delega alle politiche sociali. Entriamo in sala, attendiamo l'appello e dopo aver fatto notare che la maggioranza contava l'assenza dell'assessore al ramo chiedo la sospensione della seduta, alla ripresa dei lavori faccio presente al Presidente/Sindaco che almeno dovrebbe ringraziare i consiglieri di opposizione per aver reso valida la seduta, vabbè lui non lo fa ed io per ricambiare il favore comunico che l'opposizione abbandona l'aula e non parteciperà alla votazione. Secondo l'articolo 12 del nostro Regolamento, a quel punto la seduta non è più valida per la presenza di meno della metà dei consigliere in aula. A quel punto il presidente che fa? Sospende e cerca di parlare coi capigruppo? Dichiara non valida la seduta? No, mette al voto ed approva il piano con una seduta non valida. Il sindaco del neo comune capofila approva con un atto illegittimo." Attendiamo la replica e il punto di vista del sindaco Rani Pagano e speriamo che si tratti di una replica convincente. G.G.