Cronaca Bianca

MADDALONI QUESTIONE CEMENTIR Il Comitato Azzurra Libertà a De Lucia: “Occorre salvaguardare i livelli occupazionali"

Il Comitato: "Buone le azioni che Cementir Italia adotta per la tutela dell’ambiente e, la salute dei cittadini di Maddaloni, attraverso centraline di rilevazione  delle polve


Il Comitato: "Buone le azioni che Cementir Italia adotta per la tutela dell’ambiente e, la salute dei cittadini di Maddaloni, attraverso centraline di rilevazione  delle polveri diffuse" MADDALONI – Ad intervenire, questa volta, sulla questione Cementir è il Comitato Direttivo Azzurra Libertà Maddaloni. Al centro della sua nota l’indotto occupazionale della Cementir, pari a 300 unità, delle quali 120 operanti presso lo stabilimento di Maddaloni. Il Comitato valuta “positivamente, come hanno fatto le associazioni ambientaliste, la proposta di variante progettuale, migliorativa e sostitutiva di quella per la quale Cementir Italia Spa è già autorizzata all’ attività estrattiva nel versante di cava “Vittoria”. Infatti- si legge nel comunicato-  la proposta consente di conservare l’integrità ambientale e di concentrare l’attività di coltivazione nell’area già utilizzata, in abbassamento del piazzale di cava “Vittoria”, per minimizzarne l’impatto percettivo, realizzando un raccordo morfologico con le aree circostanti su tutto il perimetro di cava, con la riqualificazione a verde attrezzato, con lago per la pesca sportiva, teatro e parcheggi. “ Il comitato direttivo Azzurra Libertà, inoltre,  “valuta positivamente le azioni che Cementir Italia adotta per la tutela dell’ambiente e, la salute dei cittadini di Maddaloni, attraverso centraline di rilevazione in continuo delle polveri diffuse con obbligo di trasmissione mensile dei dati raccolti agli enti di controllo e, sistema di monitoraggio in continuo dei fumi di combustione del forno”. In base a tali considerazioni  il Comitato chiede al primo cittadino  “di mettere in atto tutte le necessarie misure per la salvaguardia dei livelli occupazionali, tanto più in un momento di crisi e, di convocare un consiglio comunale con all’ordine del giorno la proposta di variante progettuale presentata da Cementir Italia Spa”. In vista dei prossimi incontri tra l’amministrazione e la Cementir, i comitati e le varie associazioni sperano che venga assunta un’unica posizione a solo vantaggio della città. Molti politici, anche tra le file della maggioranza, fanno sapere che questa sarebbe  l’intenzione in virtù del documento firmato da tutte le forze consiliari. A.S.