Cronaca Nera

CARMINE SCHIAVONE SHOW - Luogo per luogo, ecco dove sarebbero sotterrati, secondo il pentito, i rifiuti tossici a CASAL DI PRINCIPE

Al di là della reazione dei casalesi ai moniti profetici dell'ex boss e delle esternazioni che assumono contorni apocalittici per chi abita nel Basso Volturno e nell'Agro Aversan


Al di là della reazione dei casalesi ai moniti profetici dell'ex boss e delle esternazioni che assumono contorni apocalittici per chi abita nel Basso Volturno e nell'Agro Aversano, bisogna cominciare a comprendere chi e come è realmente interessato alla bonifica dei suoli e delle cave avvelenate dai Casalesi IN CALCE ALL'ARTICOLO IL LINK CON IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO DI FARE AMBIENTE CASERTA - Alcune cose già si sapevano, altre invece sono notizie nuove. Ci riferiamo al contenuto delle rivelazioni del pentito di camorra Carmine Schiavone, riguardo lo sversamento dei rifiuti nei terreni di Casal di Principe, rese alla giornalista della Gazzetta di Caserta Marilena Natale. Dopo la video intervista concessa all'emittente di Tv Luna, diretta da Fancesca Nardi e alle notizie rilasciate al noto quotidiano casertano,  ovviamente oggi, più di ieri, si è delineato uno scenario aberrante, ma nel contempo tutto da verificare, senza lasciarsi impressionare dalle violente e aggressive esternazioni contenute nelle dichiarazioni dell'ex boss dei Casalesi. Da un lato è stata registrata una reazione da parte dei cittadini di Casal di Principe, riguardo la provocazione lanciata in Tv e mezzo stampa dal pentito, che si è concretizzata con uno striscione che invita l'ex capo dei capi a "spalare" metaforicamente con una "pala" i rifiuti sversati in loco. Dall'altra parte bisogna comprendere fino in fondo quali potranno essere le reazioni e le conseguenze per le dichiarazioni rese a mezzo stampa. In poche parole sembra quasi che si voglia innescare, costringere... ed invitare lo Stato a bonificare Casal di Principe, Castel Volturno, Villa Literno, S. Tammaro, Villa Di Briano e via discorrendo. Domande: ma come e chi saranno poi i titolari e i destinatari, se non i beneficiari, di una eventuale bonifica dei terreni e delle aree inquinate?  Chi realmente è interessato alla bonifica e ai quattrini che saranno necessari per attuarla, nei territori avvelenati?  Dall'ex boss spesso viene rilanciata la notizia: "occorrono 26.000 miliardi di vecchie lire per salvare 5 milioni di persone in Campania". "Lo Stato non ha i fondi per la bonifica, quindi...". Ma se domani mattina fosse cantierizzato un piano per le bonifiche e fossero disponibili, nel contempo, i miliardi necessari per la riqualificazione dei territori distrutti dai rifiuti tossici, chi realmente ne beneficerebbe? Occorre cominciare a pensare verso il futuro, dopo aver compreso il passato... Oggi ci fermiamo qui e pubblichiamo in calce all'articolo l'elenco dei terreni, che secondo le dichiarazioni rese alla giornalista Marilena Natale, sarebbero stati inquinati a Casal di Principe. Da giorni  stiamo dando conto dell'ottima intervista televisiva resa da Schiavone a Francesca Nardi di Tv Luna e dei pregevoli servizi giornalistici di Marilena Natale sulla Gazzetta di Caserta. Ovviamente noi, abbiamo il dovere anche di fare un po' gli avvocati del diavolo e parlare di Schiavone anche non in maniera tale da determinare che le sue parole si configurino come un monologo senza una concettualizzazione di temi concorrenti e contraddittori. Naturalmente ci stiamo attrezzando e documentando. Massimiliano Ive   QUI SOTTO L'ELENCO DEI TERRENI   "A Casale abbiamo sversato nella terra del dentista Schiavone; - nel terreno della Curia; - nella terra di Nicola Corvino (qui c'è il radioattivo)  - nella terra del dott. Del Genio" CLICCA QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO DI FARE AMBIENTE