Cronaca Nera

IL VIDEO E LA FOTO MARCIANISE - Rapinano commerciante di articoli per l'infanzia, scoperti e arrestati due rapinatori

L'operazione eseguita dai carabinieri della locale Compagnia. MARCIANISE - Il 28 agosto scorso il titolare di un negozio di rivendita di articoli per l’infanzia, ubicato a Marci


L'operazione eseguita dai carabinieri della locale Compagnia.

MARCIANISE - Il 28 agosto scorso il titolare di un negozio di rivendita di articoli per l’infanzia, ubicato a Marcianise, subì una rapina da parte di due ignoti malfattori, entrambi con volto travisato, di cui uno armato di pistola, i quali, dopo aver fatto irruzione all’interno del negozio, sotto la costante minaccia dell’arma, si facero consegnare dall’uomo l’incasso della serata, pari a € 135,00  circa. I due giovani, poi, si diedero alla fuga a bordo di una utilitaria. I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise avviavarono prontamente indagini al fine di identificare gli autori della rapina. Nel lasso di pochi giorni le meticolose attività investigative hanno permesso di identificare i due banditi in Osvaldo Petrillo, 27enne, e Tommaso Ronga, classe 26enne, entrambi di Sant’Antimo.

I militari dell’Arma locale, quindi, collaborati da personale della Compagnia Carabinieri di Giugliano in Campania, in data 30 agosto hanno proceduto al fermo di indiziato di delitto a Sant’Antimo, presso le rispettive residenze. Di grande aiuto alle indagini è stata la visione dei filmati del sistema di videosorveglianza installato nell’esercizio commerciale. L’individuazione degli autori della rapina è stata facilitata anche dalla collaborazione fornita da alcuni cittadini presenti nei pressi dell’esercizio commerciale che hanno riferito elementi importanti sulle caratteristiche del veicolo utilizzato dagli autori per allontanarsi. Le indagini dei Carabinieri, comunque, proseguono al fine di verificare il coinvolgimento dei fermati in altri eventi delittuosi. I due giovani sono stati associati alla casa circondariale di Napoli Poggioreale. Il GIP del Tribunale di Napoli ha convalidato il fermo dei due giovani emettendo a loro carico la misura della custodia cautelare in carcere.