Cronaca Bianca

MADDALONI - Il sindaco De Lucia mette pace tra la Pro Loco e il comitato festa S. Michele. Ma il gruppo di Giglio dovrà collaborare garantendo continuità

Stamattina, mercoledì, l'incontro in comune tra il primo cittadino e i rappresentanti dell'associazione, che garantiranno il rituale info-point presso la loro sede più un'azione


Stamattina, mercoledì, l'incontro in comune tra il primo cittadino e i rappresentanti dell'associazione, che garantiranno il rituale info-point presso la loro sede più un'azione di informazione sull'evento all'interno del Centro Commerciale Campania Questa mattina,mercoledì, sono continuati gli incontri tra amministrazione e la Pro-Loco cittadina, sono state definite le modalità di partecipazione della stessa ai festeggiamenti di San Michele. L’impegno da parte della Pro Loco sarebbe quello di allestire un info-point nei pressi della sua sede in P.zza Matteotti, come in effetti ha sempre fatto, quale attività esclusiva negli ultimi anni, per la distribuzione di materiale informativo e, soprattutto, utilizzerà la sua postazione presso il Centro Commerciale Campania ( anche qui l’attività della stessa è continuata serrata, senza grandi risultati, almeno non sono stati resi pubblici) per la pubblicizzazione dell'evento presso un target di pubblico altrimenti inarrivabile. Tuttavia, come da impegni presi in campagna elettorale, il primo cittadino Rosa De Lucia, sta cercando di volta in volta di far si che i vari organismi, organi e istituzioni presenti sul territorio, inizino a funzionare e a lavorare attivamente portando dei risultati concreti. Al riguardo, sembrerebbe che anche stamattina a centro della discussione ci sia stata la necessità di una collaborazione costante tra ente e Pro Loco che non si esaurisca ai tre giorni dei festeggiamenti, ma che duri un intero anno al fine di garantire una reale promozione del territorio maddalonese così ricco di storia, arte e cultura. Un impegno che il Presidente Gaetano Giglio con il sindaco si sono presi. Giusto a titolo di informazione, le varie precisazioni fatti nei giorni passati erano tutte relative alle attività assenti, fantasma e infruttuose della pro loco cittadina che ha agito come un club privato. Le puntualizzazioni in merito all’ipotetica diatriba tra comitato organizzativo e Pro Loco miravano appunto a portare all’attenzione del primo cittadino una situazione incresciosa a svantaggio dell’intera città rimasta per anni priva di attività culturali- sociali e ricreative. Per cui ben venga la promessa giunta a conclusione della riunione di stamattina. Antonietta Sasso