Politica

GRAZZANISE e le occasioni perse. Per la ristrutturazione delle scuole messi a disposizione 450 milioni di euro. Almeno stavolta si riuscirà a presentare un progetto?

Dopo le istanze sui pon videosorveglianza, sicurezza stradale e strutture sportive, l'ex consigliere Massaro ci informa delle nuove risorse messe a disposizioni degli enti comunal


Dopo le istanze sui pon videosorveglianza, sicurezza stradale e strutture sportive, l'ex consigliere Massaro ci informa delle nuove risorse messe a disposizioni degli enti comunali per i lavori di rifacimento degli edifici scolastici.  Le amministrazioni interessate dovranno presentare un progetto entro prossimo il 15 settembre GRAZZANISE – Che buona parte della politica a Grazzanise sia fatta di strategie elettorali, di corse all’accaparramento del candidato con voti o, come va di moda in questo periodo,  della quota rosa più forte, ormai è noto e, sinceramente, viene vissuto da buona parte del popolo con pacifica rassegnazione. E’ vero anche che la politica è soprattutto fondata su numeri, su preferenze, quindi, disegni, manovre e compagnia cantata non devono essere considerati neppure elementi eccessivamente ripugnabili, anzi ,sono aggeggi, probabilmente gli unici, che chi vuol servire la cosa pubblica deve forzatamente adoperare per poi venire eletto. L’ideale sarebbe affiancare a queste strategie contenuti tecnici e concreti. Ma questo lo fanno in pochi. Negli ultimi mesi l’ex consigliere di maggioranza Massaro ha cercato di offrire spunti interessanti. Massaro ha presentato istanze sul pon sicurezza stradale, sui fondi della videosorveglianza, sul pon per le strutture sportive, ma sono state tutte azioni vane, occasioni diciamo non raccolte. A gestire la macchina comunale, adesso c’è la triade commissariale. Se l’opera dell’ex consigliere magari fosse stata supportata anche dalle altre forze politiche, in modo trasversale, l’impatto di queste istanze sarebbe risultato più forte. Ed invece si continua o con la politica del silenzio, inquietante, o con quella comiziante, ridondante. Veniamo ai fatti. Veniamo a quei fatti che si susseguono senza che nessuno li intercetti. Mentre si aspetta la manna dal cielo il prossimo  15 settembre scade il termine entro il quale gli enti locali possono presentare progetti relativi alla messa in sicurezza dei plessi scolastici “ A favore dei comuni – informa Massaro – sono state predisposte risorse per 450 milioni “ Per gli interventi urgenti di riqualificazione delle scuole dove è stata censita la presenza di amianto, è previsto per il 2014 un investimento di 150 milioni di euro. I fondi stanziati sono distribuite tra le Regioni sulla base di un Piano di Interventi che sarà redatto in base a proposte progettuali degli enti locali. Entro il 30 ottobre si provvederà a stilare la lista delle amministrazione che riceveranno i fondi. Le amministrazioni possono presentare progetti di messa in sicurezza, ristrutturazione e manutenzione straordinaria degli edifici scolastici. L’Inail, inoltre, si impegnerà a destinare 100 milioni di euro all’anno (dal 2014 al 2016) per attuare un Piano di Interventi di messa in sicurezza degli edifici e costruzione di nuovi edifici scolastici da concordare con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, i Ministeri dell’istruzione, dell’università e della ricerca, delle infrastrutture e trasporti, sentita la Conferenza Unificata Stato – Regioni. Che dire, speriamo che almeno quest’occasione venga sfruttata, speriamo che oltre a Massaro anche gli altri politici evidenzino l’urgenza e di partecipare a questi progetti. Domani ci sarà una riunione in comune tra le associazioni sportive per affrontare la questione stadio R.Massaro. Un piccolo appunto: a metà maggio sono scaduti i termini per l’accaparramento dei fondi per la ristrutturazione delle strutture sportive. Giuseppe Tallino