Cronaca Nera

Blitz della Guardia di Finanza nel Comune di PIEDIMONTE M. Nel mirino alcune determine di Pietro Terreni e Nicolina Raviele

Le solite cose che succedono nei comuni a Ferragosto. Si tratta di atti di autoliquidazione di somme. Per quanto riguarda Terreni di un ricalcolo di un incasso per lo svolgimento


Le solite cose che succedono nei comuni a Ferragosto. Si tratta di atti di autoliquidazione di somme. Per quanto riguarda Terreni di un ricalcolo di un incasso per lo svolgimento di un incarico di Rup, che coinvolge anche altri impiegati del suo ufficio PIEDIMONTE MATESE - Un indagine della Guardia di Finanza della locale tenenza, finalizzata a stabilire se qualche funzionario del Comune di Piedimonte Matese abbia compiuto attività che lascino intravedere il reato di peculato. Soldi o beni pubblici indebitamente incassati o indebitamente utilizzati. Gli uomini delle Fiamme Gialle sono stati nei giorni scorsi, in Comune. Sotto la lente di ingrandimento sono finite alcune  determine. Fa  discutere poi quella a firma Pietro Terreni, precisamente la 86 b del 14 agosto scorso. Si tratterebbe di un caso di autoliquidazione di somme di danaro relativa ad un incarico di Responsabile Unico del Procedimento, in pratica il Rup, svolto dallo stesso Pietro Terreni. A questa va aggiunta quella a firma dell'altra dirigente, in questo caso ai Servizi Sociali, Nicolina Raviele, firmata sempre lo scorso 14 agosto