Cronaca Bianca

LA LETTERA - Il segretario generale di TEANO si dimette e accusa il sindaco Di Benedetto di bloccare l'attività amministrativa

  Nelle foto, Anna Meciariello e il sindaco Di Benedetto Al centro della querelle istituzionale i controlli interni ed anticorruzione fermi al palo e il blocco dei rogiti cont


 

Nelle foto, Anna Meciariello e il sindaco Di Benedetto

Al centro della querelle istituzionale i controlli interni ed anticorruzione fermi al palo e il blocco dei rogiti contrattuali

TEANO -  Si agitano le acque nel mondo politico della città di Teano e sono realmente pesanti le accuse lanciate e indirizzate dal dimissionario Segretario Generale, l'avvocato Anna Maciariello, nei confronti del primo cittadino Nicola Di Benedetto. Il tutto a margine di una lettera che pubblichiamo in calce al nostro articolo, mediante la quale proprio il Segretario Generale giustifica la decisione di abbandonare il proprio incarico spiegando e denunciando le precarietà amministrative della gestione Di Benedetto: "In tal guisa ho assistito inerme al blocco totale di molte procedure amministrative per le quali concretamente non sono stata in condizione di operare". In effetti, l'avvocato Maciariello punta il dito proprio su alcune tematiche che sono parte integrante della funzione del Segretario Generale: "E’ completamente ferma tutta la disciplina dei controlli interni ed anticorruzione di competenza del Segretario Generale che non ho potuto svolgere per l’oggettiva motivazione di non poter essere al tempo stesso soggetto controllato e controllore di me stessa".

Poi un passaggio anche sui rogiti contrattuali: "Assisto quotidianamente al blocco dei rogiti contrattuali per mancanza del necessario rappresentante dell’ente che si possa costituire nell’atto pubblico. Assisto quotidianamente al blocco delle procedure del settore tecnico, ove costretta a firmare, ho più volte lamentato l’illegittimità degli atti da me adottati, in carenza di competenza tecnica adeguata".

Un vero e proprio j'accuse che nelle prossime ore produrrà reazioni di carattere politico.

M.I.

QUI SOTTO IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SEGRETARIO GENERALE DIMISSIONARIO DI TEANO

Al Sindaco del Comune di Teano

Ing. Nicola di Benedetto

SEDE

Egregio Sindaco,

vani sono risultati tutti i tentativi da parte mia affinchè Lei si occupasse della macchina amministrativa-organizzativa dell’ente che dalla trascorsa tornata elettorale ha subito un radicale ed incomprensibile blocco non seguito dalla necessaria riorganizzazione.

Viceversa Ella ha fatto confluire esclusivamente sulla mia persona, il peso e la responsabilità di  ogni procedura dell’ente che se da un lato mi  ha dimostrato da parte Sua,  la massima fiducia, dall’altro ha creato un aperto conflitto di competenze, responsabilità e compatibilità del mio operato, esponendo me e l’ente a gravi rischi di illegittimità.

In tal guisa ho assistito inerme al blocco totale di molte procedure amministrative per le quali concretamente non sono stata in condizione di operare.

E’ completamente ferma tutta la disciplina dei controlli interni ed anticorruzione di competenza del Segretario Generale che non ho potuto svolgere per l’oggettiva motivazione di non poter essere al tempo stesso soggetto controllato e controllore di me stessa..

Assisto quotidianamente al blocco dei rogiti contrattuali per mancanza del necessario rappresentante dell’ente che si possa costituire nell’atto pubblico.

Assisto quotidianamente al blocco delle procedure del settore tecnico, ove costretta a firmare, ho più volte lamentato l’illegittimità degli atti da me adottati, in carenza di competenza tecnica adeguata.

E’ sintomatico di un’amministrazione disorganizzata, incapace di dare concrete risposte al cittadino, che rischia la paralisi totale dell’andamento dell’azione amministrativa che deve correre spedita, che pretende dal Segretario Generale l’adozione di atti viziati da incompetenza ed illegittimità, in un clima di totale disorganizzazione delle risorse umane costrette a lungaggini interminabili per dovere far capo ad un unico centro di responsabilità.

Per queste ed altre motivazioni che sarebbe troppo lungo elencare, dopo circa sei anni di attività professionale svolta presso questo ente, nei quali ho sempre prestato servizio con grande spirito di abnegazione, lealtà e collaborazione con le amministrazioni che si sono susseguite, con grande rammarico, devo prendere atto di non avere più le condizioni giuridiche ed organizzative per poter continuare a prestare la mia attività professionale con serenità ed in ossequio  alle leggi.

Pertanto con grosso sacrificio e rimpianto del Paese che mi ha dato i natali, a malincuore sono costretta a rassegnare le dimissioni dall’incarico di Segretario Generale, chiedendoLe, Egregio Sindaco, di attivare, nel tempo strettamente necessario, le procedure per la mia sostituzione.

Teano Lì 26.08.13

                                                                                                     Il Segretario Generale

                                                                                                     Avv. Anna Maciariello