Cronaca Bianca

S.MARIA C.V - VER GO GNA!! Lo spettacolo musicale dell'Assunta, gratuito per tutti, diventa uno show fruito solo da chi mangiava e pagava da Amico Bio, nuovo padrone dell'Anfiteatro

Solo chi aveva prenotato il tavolo poteva assistere da vicino al concerto. Tutti gli altri hanno potuto assistere alla performance musicale dalle grate dei cancelli o dalla strad


Solo chi aveva prenotato il tavolo poteva assistere da vicino al concerto. Tutti gli altri hanno potuto assistere alla performance musicale dalle grate dei cancelli o dalla strada sovrastante il sito archeologico

S.MARIA C.V - Amico Bio nel cuore di tanti. E non solo di tanti della Sovrintendenza ai beni archeologici ma anche di tanti dell'amministrazione comunale di S.Maria C.V. Dopo le giostre posizionate in un quartiere residenziale con rumori molesti per i residenti e strade chiuse, in un'operazione  che ha finito per essere, seppur involontariamente fino a prova contraria, utile solo a Stefano Di Caprio, titolare del bar di fronte all'aulario, ora è arrivato, ritornando ad Amico Bio anche un concerto nell'area oramai desolatamente e scelleratamente privatizzata dell'Anfiteatro pagato dall'Amministrazione comunale e dal Comitato dei Festeggiamenti dell'Assunta. Dunque uno spettacolo pubblico, uno spettacolo a cui tutti quelli che lo desideravano avrebbero potuto accedere, assistendovi dalla migliore posizione possibile, senza dover versare un centesimo.

Per tradizione la festa patronale di S. Maria C.V., si chiude sempre con l'esplosione  di fuochi artificiali che sovrastano ed illuminano l'Anfiteatro. Ma quest'anno il comitato aveva anche un'offerta aggiuntiva: i sammaritani, infatti,  sono stati  esortati, dal Comitato organizzatore della festa e dall'Amministrazione  Comunale,  ad accorrere numerosi per assistere ad uno spettacolo musicale.

Con  grande sorpresa del numeroso pubblico accorso,  la musica era però eseguita a grande distanza di sicurezza.  Il palco dove si sono  esibiti gli   Swingers di Sergio Carlino , era collocato, infatti , all'interno dell'area archeologica, al di là dei cancelli dell'archeo- ristorante dell'Amico Bio  che sono poi i cancelli di ingresso all'Area archeologica dell'Anfiteatro  ( molto amico anche del comitato dei festeggiamenti dell'Assunta evidentemente)   .

Il concerto , pubblicizzato dal comitato dei festeggiamenti della festa patronale , che  è stato organizzato col patrocinio del comune di S. Maria C.V.   e con le offerte raccolte tra i fedeli sammaritani , e quindi con soldi pubblici ,  in realtà è diventato un evento del ristorante all'interno del monumento archeologico.

Ai cittadini sammaritani che, sperando di poter vedere il gruppo musicale , oltre che sentirlo solo da lontano, si sono avvicinati ai cancelli dell'attività commerciale per poter accedere all'area dove era posizionato il palco, è stato chiesto, dal personale del ristorante, se fossero in possesso di una prenotazione: solo chi aveva prenotato un tavolo infatti poteva godersi in tranquillità lo spettacolo gentilmente offerto dalle tasche dei sammaritani.

Tutti coloro che non erano presenti nelle liste dell'Amico Bio  hanno dovuto assistere ( si fa per dire ) alla performance musicale dalle grate dei cancelli o dalla strada sovrastante il sito archeologico ( sembra che  tra i ben accetti vi fossero anche dei colleghi ai quali deve essere sembrato normale l'Apartheid musicale così creatosi , visto che non una riga hanno scritto sulla vicenda) mentre i clienti della pizzeria biologica, comodamente seduti sotto i gazebo disseminati tra le antiche vestigia hanno potuto , al prezzo della cena, godersi in prima fila , e senza l'incomodo della ressa, sia lo spettacolo musicale che quello pirotecnico.

Ancora una volta i sammaritani hanno pagato un evento che ha arrecato, visibilmente , grande vantaggio all'Amico Bio ricevendo in cambio  la  discriminazione del comune cittadino dal bio - cliente.

Gianluigi Guarino