Cronaca Nera

Ultim'ora- MONDRAGONE- Guerra per il suolo pubblico alla festa dell'Assunta sul Viale Margherita, una famiglia italiana di venditori di torrone aggredisce un ambulante senegalese autorizzato

  Aggressione da parte di venditori di torrone su un ambulante africano per l'occupazione del suolo pubblico sul Viale Margherita chiuso per la festa dell'Assunta. Interve


  Aggressione da parte di venditori di torrone su un ambulante africano per l'occupazione del suolo pubblico sul Viale Margherita chiuso per la festa dell'Assunta. Intervengono i carabinieri.   MONDRAGONE- Erano circa le 18, Viale Margherita era già chiusa al traffico per la tradizionale festa della Madonna dell'Assunta in modo tale da permettere alla gente di visitare la Chiesa di San Rufino e ai commercianti di lavorare. Tutto era tranquillo, si preparava un' altra serata di divertimento e preghiere. Nulla, insomma, lasciava trapelare ciò che sarebbe successo di lì a poco. Una famiglia italiana di venditori di torroni ha iniziato a lamentarsi dopo aver visto un senegalese, munito di regolare licenza all'occupazione del suolo pubblico, posizionare una bancarella affianco al loro banco torroni. Uno "sgarro" questo che, secondo tali commercianti italiani, danneggiava la loro vendita in quanto limitava lo spazio a loro disposizione. Un "oltraggio", a loro dire, che andava immediatamente fermato. L'intero nucleo familiare ha iniziato ad alzare la voce contro l'africano, spaventato da tanta veemenza. La vittima dell'aggressione ha chiamato in soccorso i suoi connazionali i quali sono intervenuti in sua difesa. La situazione stava per degenerare, quando qualcuno ha pensato bene di contattare i carabinieri per sedare un focolaio di rissa. Gli uomini della Benemerita sono intervenuti in tempo ed hanno segnalato gli aggressori. Un gesto, quello degli italiani, che pare nascondere l'ombra di una discriminazione razziale verso un africano che per una sera di festeggiamenti voleva guadagnare qualcosa onestamente occupando il suo "angolino" pienamente autorizzato.    Walter De Rosa