Cronaca Bianca

ESCLUSIVA MONDRAGONE - Auto in una buca, il padre del leader del Pdl, Miraglia denuncia il Comune e incassa 4000 euro... "e vai col tango"

L'Ente, oggi gestito dal sindaco del centro destra Schiappa, costretto a sborsare, dopo due anni, ben 7000 euro, compreso il compenso all'avvocato nominato dal capo famiglia del c


L'Ente, oggi gestito dal sindaco del centro destra Schiappa, costretto a sborsare, dopo due anni, ben 7000 euro, compreso il compenso all'avvocato nominato dal capo famiglia del coordinatore cittadino del partito dei berlusconiani. Il comune diventa un "ricorsificio"   MONDRAGONE - Quella che vi stiamo per raccontare è una storia abbastanza controversa dal punto di vista politico. I protagonisti sono Angelo Miraglia, padre del coordinatore cittadino del Pdl di Mondragone, Ermanno Miraglia incallito e fedelissimo sostenitore del sindaco Giovanni Schiappa, e Giulia Miraglia, sorella dell'esponente politico berlusconiano. Il 3 marzo del 2011, il papà di Ermanno Miraglia, rappresentato dall'avvocato Antonella Capizzi decise di chiamare in giudizio il Comune di Mondragone dinanzi al Giudice di Pace di Carinola per chiederne la condanna e, di conseguenza, il risarcimento dei danni meccanici arrecati alla Ford KA di proprietà della figlia Giulia Miraglia. In effetti l'auto della sorella del coordinatore del Pdl era  finita in una delle tante buche o voragini che si aprono e che persistono nel manto stradale di Mondragone. Il sinistro stradale avvenne in Via Castel Volturno e di fronte al danno subito Angelo Miraglia chiese che fosse riconosciuta la responsabilità di tale evento a carico del Comune di Mondragone e, per l’effetto, invocò la condanna per "tutti i danni fisici riportati e quantificati in € 5.000,00 oltre accessori e spese legali". Sono trascorsi più di due anni dalla notifica dell'atto di chiamata in giudizio e il sindaco è cambiato. Oggi c'è Schiappa, ma qualche buca c'è sempre nell'asfalto. Nel contempo il giudice di pace avrebbe dato ragione al papà di Ermanno Miraglia e così con due determine dirigenziali, il Comune di Mondragone si è affrettato a sganciare non 5000 euro, bensì  7.137,83 euro, così ripartiti: € 3.189,83 all’avv. Antonella Capizzi  e € 3.948,00 a Miraglia senior. Di fronte a questa disposizione amministrativa si sarà certamente arrabbiato il buon Francesco Nazzaro, ex assessore al Bilancio, che come sostengono in molti, qualche tempo fa si adirò contro i cittadini di Mondragone, accusati di fare causa al comune per "ogni piccolo intoppo". In effetti, abbiamo notato dalle determine che il numero di esborsi per cause e chiamate in giudizio è elevato. Forse il sindaco e quelli del Pdl non gestiscono un Comune, ma un tribunale. Max Ive CLICCA QUI PER LEGGERE LA PRIMA DETERMINA CLICCA QUI PER LEGGERE LA SECONDA DETERMINA