Cronaca Bianca

Badanti e servizi sociali, il comune di S. MARIA C. V. aderisce al progetto dell'Inps

Si tratta del cosiddetto Home Care Premium, mediante il quale ai familiari dei dipendenti pubblici saranno garantiti servizi di assistenza per 12 mesi  SANTA MARIA CAPUA VETERE


Si tratta del cosiddetto Home Care Premium, mediante il quale ai familiari dei dipendenti pubblici saranno garantiti servizi di assistenza per 12 mesi 

SANTA MARIA CAPUA VETERE - Il Comune di Santa Maria Capua Vetere – in qualità di ente capofila dell’ambito territoriale C5 (gestione straordinaria) – ha aderito al progetto promosso dall’Inps (ex Inpdap) e denominato Home Care Premium.

Obiettivo del progetto – che ha una durata di dodici mesi, rinnovabili – è promuovere progetti sperimentali di assistenza domiciliare in favore di soggetti non autosufficienti. Possono accedere ai benefici i dipendenti e pensionati pubblici, i loro coniugi conviventi e i loro familiari di primo grado (genitori o figli).

Il progetto offre la possibilità di ricevere contributi economici, erogati direttamente dall’Inps, finalizzati alla regolare assunzione di badanti (o assistenti familiari) o al sostegno di forme di affido, volontariato o vicinato-prossimità. Sono inoltre previste prestazioni assistenziali integrative, ovvero servizi di sollievo domiciliare, frequenza di centri diurni, servizi di trasporto e accompagnamento, consegna di pasti, installazione di ausili e demotica presso il proprio domicilio.

Gli interessati possono presentare le domande o chiedere informazioni allo sportello dei servizi sociali del Comune di Santa Maria Capua Vetere (ex Mulino Buffolano), il lunedì dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 17.30, oppure il mercoledì e venerdì dalle 9.30 alle 12.30.

Il servizio e le attività di sportello sono gestiti dal Comune in collaborazione con la Meridiana Onlus e con la cooperativa sociale InVento.

“Si tratta – dichiara il sindaco Biagio Di Muro, che è anche assessore ai Servizi sociali – di un programma sperimentale della gestione ex Inpdap che l’ambito territoriale ha sposato in pieno al fine di fornire un servizio di assistenza fondamentale per le persone non autosufficienti. E’ obiettivo di questa amministrazione continuare a dedicare la massima attenzione alle condizioni di disagio e mettere in campo progetti specifici anche per altri destinatari”.