Cronaca Nera

Un ragazzo di 15 anni è ricoverato in sala di rianimazione a Sessa Aurunca. Stava annegando in una piscina a San Prisco

Il giovane mentre nuotava ha accusato un malore ed è sprofondato. Il bagnino lo ha riportato a galla e pareva riprendersi. Invece poi improvvisamente ha avuto un altro blocco res


Il giovane mentre nuotava ha accusato un malore ed è sprofondato. Il bagnino lo ha riportato a galla e pareva riprendersi. Invece poi improvvisamente ha avuto un altro blocco respiratorio ed ora è ricoverato in terapia intensiva in prognosi riservata… I bambini affidati a una comunità di sacerdoti in provincia avevano insisto per trascorrere il primo fine settimana di agosto in piscina o al mare. E i sacerdoti e volontari avevano ceduto alle pretese. Così, si erano tutti ritrovati, adulti e ragazzini, sul bordo di una piscina privata a San Prisco per una gara di tuffi. Ma in tarda mattinata qualcosa non è andato per il verso giusto. Un ragazzino ghanese di 15 anni si è sentito male mentre stava nuotando con alcuni coetanei e ha ingerito acqua. Sono stati proprio i suoi piccoli amici a dare l’allarme al bagnino che si trovava a pochi metri di distanza dal punto in cui il ragazzino è sprofondato sul fondo della piscina. Riportato a galla, il bagnino ha eseguito prima un massaggio cardiaco sul piccolo petto e poi la respirazione artificiale. Dopo pochi minuti, il quindicenne ha espulso gran parte dell’acqua che aveva ingerito e ha ripreso parzialmente conoscenza. Solo con l’arrivo dell’ambulanza, però, piccini e adulti hanno tirato un sospiro di sollievo pensando di aver scongiurato una tragedia. In realtà, appena giunto presso l’ospedale di Santa Maria Capua Vetere, l’adolescente ha avuto un altro blocco respiratorio. I medici del nosocomio, quindi, hanno pensato di accelerare il trasferimento presso una struttura specializzata per quel tipo di emergenze. Nel tardo pomeriggio, è stato trasportato presso l’ospedale San Rocco di Sessa Aurunca. Ora, il ragazzino, ricoverato nel reparto di Rianimazione, è in prognosi riservata.