Politica

LE FOTO - LA DOMENICA DI CCE - Paolo Romano, "Cafonal" di platino 2013. Gli altri in autobus, lui arriva alla manifestazione pro Berlusconi con l'auto blu della regione

Cronaca di un pomeriggio a 40 gradi. Interessanti le scelte di posizionamento all'interno dei pullman CASERTA - Roberto D'Agostino lo avrebbe "schiaffato" senza remissioni nell


Cronaca di un pomeriggio a 40 gradi. Interessanti le scelte di posizionamento all'interno dei pullman CASERTA - Roberto D'Agostino lo avrebbe "schiaffato" senza remissioni nella sua notissima rubrica Cafona. E non è detto che non lo faccia se riuscirà a recuperare una foto della scena, anzi con la foto, Paolo Romano, presidente del Consiglio regionale, potrebbe concorrere al Cafonal d'oro, cioè la cafonata più cafona del 2013. Mentre i vari Polverino, Petrenga, Del Gaudio (quest'ultimo ha scelto di andare nell'autobus della deputata e non in quello in cui viaggiava Petite Poudre) Enzo Ferraro, e finanche la gamba più lunga del Pdl casertano, Lucrezia Cicia (lei ha viaggiato con Polverino), finanche Enzo D'Anna e Teresa Ucciero, quest'ultima a dimostrazione del feeling politico, quasi simbiotico, che la lega al senatore, nell'autobus di S.Maria a Vico. E poi Antropoli che, col pullman di Capua scassato ha dovuto riparare in quello di Aversa. Tutti accaldati, sudati dai 38 gradi di Caserta ai 40 gradi di Roma. C'era da fare numero. Le truppe cammellate erano difficili da mobilitare di domenica  agosto e allora hanno ovviato le prime linee. Questo spirito, questo afflato militante, popolaresco, fatto di ascelle pezzate e roventi non fa per Paolo Romano, il quale a più di 3 anni dalle elezioni regionali non riesce ancora a capacitarsi di essere qualcuno, qualcosa. E siccome non se ne capacita, ha bisogno di atti, di azioni che lo convincano.Oggi, ha raggiunto Roma, con l'auto blu della Regione, il che, oltre a essere una cosa poco regolare, dato che si trattava di una manifestazione di partito e non certo di un evento istituzionale, è una espressione del cattivo gusto di una politica che adesso i suoi parvenu estrinseca tutta la sua evanescenza, il nulla che c'è sotto l'apparenza che mai come in questi casi inganna G.G.