Politica

MARCIANISE IL RETROSCENA ESCLUSIVO - Nitto Palma sconfessato da Antimo Ferraro e da Salzillo. A meno che, "il Bigliardino"...

Abbiamo approfondito un po' i fatti molto molto strani e sbilenchi che si sono verificati in questi giorni nella coalizione di centro destra, che ora, addirittura, minaccia di a


Abbiamo approfondito un po' i fatti molto molto strani e sbilenchi che si sono verificati in questi giorni nella coalizione di centro destra, che ora, addirittura, minaccia di andarsi a sedere nei banchi dell'opposizione prima e durante il prossimo consiglio comunale di martedì prossimo MARCIANISE - Francesco Nitto Palma è un professionista degno della massima considerazione. Il suo lignaggio cognitivo non dovrebbe consentire a nessuno, dunque neanche a noi, di canzonarlo e di costruire attorno a lui e al suo agire facili ironie. Però, come si dice, Nitto Palma se le va a cercare. Una settimana fa aveva detto ai diversi parlamentari casertani del Pdl che la resa dei conti con il sindaco De Angelis sarebbe scattata alla ripresa di settembre. Tutti si erano un po' tranquillizzati e anche lo stesso De Angelis cominciava a esprimere qualche timida apertura sull'ipotesi di cominciare già da subito ad aggiungere uno o due assessori politici, facendo saltare almeno uno di quelli da lui nominati. Improvvisamente, non solo è saltato fuori il documento dei partiti e gruppi della maggioranza che qualcuno aveva pensato di evitare con un incontro chiarificatore con il sindaco che avrebbe dovuto coinvolgere tutti i gruppi. Ma quel documento contiene anche una sorpresa: addirittura si dice al sindaco De Angelis che la giunta va azzerata ora, immediatamente, sostituita con una non meglio precisata  provvisoria e poi, dalla giunta definitiva che dovrebbe andare in carica a settembre. Chiaramente, una fregnaccia del genere (avevamo nozione dei governi balneari, ma della giunta di ferragosto non avevamo mai sentito parlare) finisce per mettere dalla parte del torto il Pdl e i suoi alleati e di far sembrare ragionevole quello che ragionevole non è, e cioè la mattana compiuta da De Angelis una ventina di giorni fa. Allora, ritorniamo a Nitto Palma: se uno dice un giorno bisogna fare in un modo e di questa strategia rende edotti tutti i parlamentari e dopo due giorni fa esattamente il contrario, scusi senatore, ma perché continua a lamentarsi facendo un inutile giro delle 7 chiese, del modo in cui la tratta Casertace. Noi la trattiamo fin troppo bene senatore. L'atteggiamento schizoide del suo partito a Marcianise lascia esterrefatti e noi incrociamo anche la difficoltà, l'imbarazzo di dover raccontare queste cose talmente illogiche che si fa fatica ad associare ad un uomo del livello di Nitto Palma. E siccome non è possibile che il coordinatore regionale soffra di disturbi bipolari allora evidentemente ci sarà qualcuno a cui ha delegato quello che non doveva delegare. Stando a Roma per quasi tutta la settimana, pare che il partito sia finito in mano ad un certo Francesco Bigliardo, non biliardo, ma Bigliardo, insomma come "bigliardino". Il biliardino del Pdl fa impazzire la pallina fra le fila dei suoi giocatori. Pare che nelle ultime settimane sia stato fulminato dalla sagacia e dal fascino politico, pensato un po', di Antimo Ferraro e di Salzillo. Il nostro biliardino è come quel bimbo che, approfittando del fatto che il padre si è dovuto fermare per andare in toilette, si mette alla guida dell'auto. Naturalmente schiantandola contro il primo muretto. Questo è un biliardino tosto, macio, decisionista. Vuol fare capire ai suoi interlocutori di Marcianise, Ferraro e Salzillo, che lui è un politico che è un politico tosto, che a De Angelis non bisogna dare tregua. Ora, si potrebbe pensare che queste siano quattro chiacchiere in libertà, delle facezie, ma il documento del centro destra diramato l'altro giorno dimostra che la strategia del "bigliardino" è propria quella attuato da tutto il centro destra marcianisano. Addirittura sto Bigliardo che ha avuto sempre e solo compiti di segretaria politica nella sede del coordinamento regionale, avrebbe consigliato ai gruppi di maggioranza di sedere per protesta nel prossimo consiglio comunale del 30 luglio, nei banchi dell'opposizione. Senatore Nitto Palma, va bene che il Pdl dovrebbe tirare le cuoia da un momento all'altro, ma qui siamo veramente alle comiche finali. Gianluigi Guarino