Politica

SESSA AURUNCA - Le attività artigianali dei parenti dei consiglieri mettono in imbarazzo il sindaco Tommasino

Una serie di atti amministrativi che dimostrano l'irregolarità di certe attività. Ma, il primo cittadino,  fa finta di niente SESSA AURUNCA - In un comunicato stampa il centros


Una serie di atti amministrativi che dimostrano l'irregolarità di certe attività. Ma, il primo cittadino,  fa finta di niente

SESSA AURUNCA - In un comunicato stampa il centrosinistra aurunco soddifatto del successo avuto dalla pubblicazione del manifesto dal titolo “Riprendiamoci Sessa” rincara la dose e promette di svelare, documenti alla mano, i presunti altarini dell’attuale amministrazione.  

Ecco il comunicato. “Si avvicina il momento della chiarezza. Il successo del manifesto “Riprendiamoci Sessa: tutti insieme”, pubblicato solo poche ore fa, spinge il centrosinistra ad assumere un’iniziativa ancor più incisiva per il bene del Comune di Sessa Aurunca. La vera e propria valanga di consensi e il giudizio unanime sulla necessità di voltare pagina e avviare per Sessa la costruzione di “una nuova alleanza, giovane, libera e competente” rende ancor più urgente la riaffermazione della trasparenza amministrativa... Per la chiarezza che si deve agli elettori, dunque, il centrosinistra, nei prossimi giorni pubblicherà una serie di documenti che consentiranno ai cittadini stessi di constatare personalmente alcune situazioni. Trattasi di documenti pubblici, non riservati, accessibili a tutti: visure camerali, determine di impegno e liquidazione, contratti di locazione “post-registrati”, pratiche edilizie, ordinanze, etc. Con ogni evidenza il centrosinistra chiederà dimissioni varie. Riprendiamoci Sessa: tutti insieme!”

Riguardo l’accusa "A S: Castrese continuerebbero ad operare attività raggiunte da ordinanza di chiusura" diciamo con certezza e documenti alla mano (LEGGI I DOCUMENTI PUBBLICATI IN CALCE ALL'ARTICOLO)  a chi e cosa ci si riferisce. In data 7 maggio 2012 con ordinanza n. 44 il capo settore assetto del territorio disponeva la cessazione dell’attività artigianale di gommista sita in Sessa Aurunca loc. Aira Nuova il cui titolare sarebbe un parente di uno dei membri della giunta. In data 10 ottobre 2012 il responsabile del SUAP rispondendo alla richiesta di revoca dell’ordinanza riferisce testualmente che : "visto che la ditta esercitava abusivamente e che quindi, nonostante vari permessi a costruire, non vi era nessuna attività precedentemente autorizzata e quindi che potrebbe ricominciare ad esercitare……si ribadisce che l’ordinanza non puo’ essere revocata”. Ancora più intrigante la lettera datata 23 ottobre 2012 con la quale il responsabile SUAP comunicava tra le righe che il permesso a costruire n. 30 del 26-7-2012 rilasciato dal settore assetto del territorio si configurava come illegittimo e in contrasto con numerose norme e che tale atteggiamento ingenera confusione nell’utenza e nelle procedure di autorizzazione all’esercizio dell’attività”. Ora non abbiamo la prova provata che il sindaco Tommasino conosca in maniera dettagliata la vicenda. Se non la dovesse conoscere dettagliatamente speriamo che questo articolo rappresenti per lui uno sprono a compiere i dovuti accertamenti. Il primo cittadino ha il dovere di farlo, al di la del fatto che una messa a fuoco di queste presunte irregolarità possa far dispiacere a qualche consigliere come Del Mastro, una cui demotivazione o arrabbiatura potrebbe incidere anche sull'umore dell'assessore Casale.

CLICCA QUI PER LEGGERE I DOCUMENTI DELL'ORDINANZA DI CHIUSURA