Cronaca Nera

MONDRAGONE- Alfonso Smirne del lido "Sirena" chiede una salita per disabili davanti al suo stabilimento. L'amministrazione lo "ignora"

Alfonso Smirne del Lido Sirena ha chiesto una salita per disabili davanti al suo stabilimento balneare, ma non ha ancora ricevuto risposte concrete. I bagnanti si lamentano. &nbs


Alfonso Smirne del Lido Sirena ha chiesto una salita per disabili davanti al suo stabilimento balneare, ma non ha ancora ricevuto risposte concrete. I bagnanti si lamentano.   MONDRAGONE- L'estate è iniziata un po' in ritardo, ma sta recuperando il "tempo perso". Il sole è cocente, l'aria afosa, il mare è limpido. Nota dolente della stagione estiva mondragonese è un altro episodio di "sordità" di questa amministrazione. Dopo l'indifferenza per il dramma dei "Palazzi Tintina ", meglio noti come palazzi "blu" in via Palermo(nonostante sia Casertace stesso sia la tv Campania Felix abbiano dedicato un'inchiesta in merito a cui il governo cittadino non ha chiesto una replica ufficiale per spiegare cosa stia facendo per la risoluzione del problema),  la "storia si ripete" tristemente, con un altro caso di disinteresse all'esigenza del popolo da parte dell'esecutivo Schiappa. La richiesta di Alfonso Smirne, imprenditore turistico, relativa alla costruzione di una salita per disabili dinanzi al suo lido, il "Sirena", in sostituzione di un marciapiede, fastidioso per la sua altezza, che divide la pista ciclabile e pedonale dalla strada, non ha ricevuto alcun seguito concreto. Inoltrata qualche tempo fa, non si sa ancora quale sia l'agire del Municipio. Eppure, Smirne continua a segnalare le sue difficoltà. I suoi clienti, numerosi grazie alla sua gentilezza e alla qualità elevata dell'offerta turistica presso il suo stabilimento, trovano impedimenti continui a causa della presenza del marciapiede che, in questo momento, costituisce una "barriera architettonica". Intervistato sulla questione, egli stesso ha commentato: "Ho chiesto all'amministrazione Schiappa di costruire una salita per disabili davanti al mio lido. Alla richiesta di costruirla di tasca mia, mi hanno risposto che non potevo. L'ufficio tecnico non ha dato alcun responso alla mia richiesta. La gente si lamenta. Al governo cittadino, voglio dire che devono controllare la zona e avere maggior rispetto per le persone meno fortunate". Tra i suoi clienti, a far sentire la sua voce, è stata Cristina Barone"Ho due figlie disabili, devo parcheggiare la macchina lontanissimo, fare il giro per raggiungere il lido. Sono sola e, se non mi aiutasse il padrone dello stabilimento, non saprei cosa fare. La salita davanti al lido è importante. Ci vorrebbe maggiore rispetto anche per le persone che vivono una disabilità".  La mia speranza, come giornalista e come cittadino mondragonese, è che il popolo venga ascoltato, aiutato e posto dinanzi ad ogni "bramosia di poltrone". Solo questo. Walter De Rosa   Clicca qui per leggere l'articolo di Casertace sui "Palazzi Tintina" (citato nell'articolo sovrastante) http://www.casertace.net/cronaca/mondragone-il-video-di-campania-felix-i-palazzi-blu-nel-degrado-infuria-la-protesta-dei-condomini-20130716.html Clicca qui per vedere il servizio tv di Campania Felix (canale 613 oppure 694 del digitale) sui palazzi "Tintina" (citato nell'articolo sovrastante) http://www.youtube.com/watch?v=plrHsqxwUuQ