Cronaca Bianca

LE VIDEO INTERVISTE - Consorzio di Bonifica dipendenti da 3 mesi senza stipendio, anche se alcuni di loro se lo meritano

Casertace, mettendosi alle spalle per qualche ora le sue convinzioni sui motivi dello sfascio di quello che è stato un vero e proprio carrozzone, ha accolto l'invito dei lavorato


Casertace, mettendosi alle spalle per qualche ora le sue convinzioni sui motivi dello sfascio di quello che è stato un vero e proprio carrozzone, ha accolto l'invito dei lavoratori in sciopero e li ha ascoltati nella sede della traversa sul Volturno nei pressi del Ponte di Annibale da loro occupata in segno di protesta CASERTA - Per noi occuparci dei problemi che colpiscono i lavoratori del Consorzio di Bonifica del Basso Volturno è sempre un po' complicato. Nel senso che ci siamo fatti negli anni un'idea ben precisa dei motivi dello sfascio, del crac vergognoso di questo ente, a cui non sono certo estranei le assunzioni a pioggia, volute dalla politica, che hanno sovradimensionato gli organici, costituiti, inoltre, da tantissime persone, che avevano e forse hanno ancora scarsa volontà di lavorare. Chiarito il concetto, anzi, ribadita la nostra posizione, Casertace non può ignorare l'appello che alcuni di questi dipendenti, senza stipendio da più di tre mesi, ci hanno formulato stamattina, giovedì. Per questo motivo ci siamo recati a Pontelatone, nei pressi del Ponte di Annibale, dove c'è una sede del Consorzio di Bonifica, dove c'è un importantissimo impianto idraulico che convoglia le acque del Volturno nei poderi degli agricoltori che aderiscono al Consorzio. Questa sede è stata occupata stamattina dai dipendenti in sciopero. Abbiamo ascoltato due sindacalisti: Clemente Di Rosa, Antonio Zerillo della Fai Cisl. G.G.