Cronaca Bianca

ESCLUSIVA AVERSA Spariti dal comune tutti i documenti del progetto definitivi del Suap. Intanto Dello Vicario & C preparano un documento contro Sagliocco

Emergono altri inquietanti particolari sulla vicenda. Isolamento termico pari a zero, nelle stanze di ognuno degli impiegati si è dovuto acquistare un condizionatore. Eppure, a q


Emergono altri inquietanti particolari sulla vicenda. Isolamento termico pari a zero, nelle stanze di ognuno degli impiegati si è dovuto acquistare un condizionatore. Eppure, a quanto sembra, nel progetto era previsto una climatizzazione centralizzata al prezzo di 300 mila euro AVERSA - Rischia di far esplodere un caso giudiziario, ma anche un caso politico la vicenda dei lavori del Suap. Ieri abbiamo mostrato le foto, che mostriamo di nuovo oggi di un immobile che non vale assolutamente il prezzo che è stato speso a suo tempo dall'amministrazione Ciaramella per realizzarlo, cioè 2.200.000 €. Un vero e proprio giallo è rappresentato, poi, dalla misteriosa sparizione dagli uffici del comune di Aversa dell'ultimo dei tre progetti, quello realizzato effettivamente, senza ne il primo, ne il secondo piano interrato dei parcheggi, previsti nella prima e nella seconda stesura progettuale. Carte sparite, dunque per un immobile che versa in situazioni autenticamente disastrose. Scrivevamo ieri: isolamento termico inesistente. Pensate che per ognuno degli uffici del Suap c'è un condizionatore autonomo e sganciato dagli altri. E qui si innesta un secondo giallo: a quanto pare, nel progetto definitivo, scomparso era previsto un impianto centralizzato di climatizzazione, che nessuno ha mai visto. L'affondo e l'offensiva del sindaco Sagliocco, che ha spedito tutte le carte e tutte le segnalazioni alla procura della Repubblica, ha esacerbato in queste ore ancor di più lo scontro con la componente degli ex An, che nessuno dei sagliocchiani chiama in causa direttamente, ma che tutti considerano politicamente responsabile di cio che è stato realizzato e non nella zona di piazza Crispi. E questo perché gli atti deliberativi della giunta, a suo tempo, recavano anche le firme degli allora assessori Dello Vicario e Della Valle, oltre al fatto che il direttore dei lavori era Massimo Pizzi pure lui legato al gruppo degli ex An, che diresse i lavori realizzati al Suap in quel modo da una nota impresa di Casapesenna, la Fontana Costruzioni spa che negli anni dell'amministrazione Ciaramella è stata molto ma molto, attiva sulla piazza di Aversa. Questa tensione tra sagliocchiani ed ex An potrebbe culminare nei prossimi giorni nella redazione e nella presentazione di un documento politico di sfiducia nei confronti del sindaco Sagliocco da parte degli stessi Dello Vicario e Della Valle. C'è curiosità per stabilire se il terzo anello del gruppo e cioè Michele Galluccio firmerà questo documento. Gianluigi Guarino