Cronaca Nera

Con un transistor all'esame di guida. Donna casertana denunciata per truffa

Scoperta dalla polizia stradale di Pisa


CASERTA - Con un transistorall'esame di guida ma lo spaccia per un misuratore di pressione: una donna di 53 anni è stata denunciata dalla Polstrada per truffa. La Polizia Stradale di Pisa ha scoperto, ieri, la truffa agli esami di guida mentre: la 53enne si faceva suggerire le risposte ai quiz attraverso un microfono collegato con un radiotrasmettitore. La donna, originaria della provincia di Caserta ma residente da anni nel Pisano, si è presentata presso i saloni della Motorizzazione Civile per sostenere l'esame avvolta da un piumone, con sotto un pullover da cui uscivano i polsini della camicia, ben chiusi con due spille. Durante la prova, anziché osservare il più assoluto silenzio, si è messa a parlare e, pur se rimproverata dagli esaminatori, non ha desistito dalla sua condotta.

Quel suo modo di fare non tornava e, quindi, è stata condotta dai poliziotti in una stanza attigua per un controllo. Invitata a togliersi il piumone, la donna ha opposto un netto rifiuto e, a quel punto, una investigatrice l'ha perquisita scoprendo il trucco. Sul braccio sinistro, legato con del nastro bianco, è spuntato un congegno elettronico collegato a una microcamera e a un microfono, con cui la donna comunicava a un complice le domande, ricevendo da lui le risposte. Di fronte all'evidenza, la truffatrice ha rilanciato, dicendo che soffriva di diabete e che quello strumento serviva a misuralo, per poi correggersi e dire che si trattava di un misuratore di pressione di ultima generazione. Tutta quella sfrontatezza non è servita, poiché la donna non solo è stata bocciata, ma la Polstrada l'ha denunciata per truffa e sta pure individuando il complice.