Cronaca Nera

S. MARIA C.V. - Gladiator, Gaudiano uguale Salzillo. Le cose scritte nell'ordinanza dei 168 indagati non interessano a nessuno

In città e nell'amministrazione comunale si va avanti come niente fosse, a caccia di sponsor, di sostegni, ma non si riflette su quello che i giudici hanno scritto SANTA MARIA C


In città e nell'amministrazione comunale si va avanti come niente fosse, a caccia di sponsor, di sostegni, ma non si riflette su quello che i giudici hanno scritto

SANTA MARIA CAPUA VETERE - Grandi incertezze sulle sorti del Gladiator, che è entrato nell'ordinanza dei 53 arresti, riguardo alle attività del Consigliere comunale Alfonso Salzillo, indagato per camorra.

Dopo le dimissioni dello stesso Salzillo da presidente del Gladiator, l'unica carica dalla quale l'attuale consigliere eletto nella lista del PDL  ha ritenuto di doversi dimettere, la presidenza passa a Maurizio Gaudiano, anche lui citato nell'ordinanza come cogestore della Gladiator ASD insieme a Salzillo. Ovviamente, nessuno può impedire a Gaudiano di fare il presidente o il Deus ex machina della gloriosa squadra di calcio di Santa Maria Capua Vetere.

Ma è chiaro che siccome è noto a tutti, che i rapporti tra Salzillo e Gaudiano sono strettissimi, dire che è Gaudiano a gestire il Gladiator è quasi come dire che a gestirlo sia lo stesso Salzillo.

Tornando all'ordinanza, nella parte relativa al Galdiator, oltre ai nomi di Salzillo e Gaudiano c'è anche quello del noto Raffaele Perrino. Lo stralcio in questione non è chiarissimo, probabilmente per un errore di trascrizione. Il passaggio che pubblichiamo, nel contempo, integralmente in calce, ipotizza una relazione tra la presidenza della gestione del Gladiator e la gestione della Ro.ma. Service nota impresa che si occupa di segnaletica stradale, titolare di diversi appalti nei comuni della provincia di Caserta e anche a Santa Maria, tra gli stessi Salzillo, Gaudiano e Perrillo.

Un ulteriore elemento che porta a ritenere Gaudiano una persona collegata a Salzillo e, che dunque non rappresenta alcuna discontinuità. Ma non deve stupire il fatto che il sindaco Di Muro si impegni, in questi giorni, a fondo per fare un po' di colletta per il Gladiator, nonostante questa che appare come una continuità di fatto con la gestione Salzillo.

D'altronde se il sindaco nonostante la pesantezza dei rilievi fatti nei confronti di Salzillo da parte del giudice e dei magistrati della Dda non ha sentito la necessità istituzionale di chiedere allo stesso Salzillo di fare un passo indietro non ci possiamo stupire se appoggia un Gladiator che sostanzialmente è legato, fatta salva la parentesi di Lazzaro Luce, alla stessa proprietà degli ultimi anni.

Salzillo, ma non solo Salzillo. Il Gladiator ritorna nelle vicende di questa ordinanza in maniera indiretta, dato che tra i 168 indagati c'è anche il nome di Mario Natale, presidente della squadra di Calcio una decina di anni fa, quando il Gladiator arrivò a disputare il campionato di C2. 

G.G.

QUI SOTTO UNO STRALCIO DELL'ORDINANZA A CARICO DI SALZILLO 

 " SALZILLO Alfonso, nato a Santa Maria C.V. il 20/01/1967, ivi residente alla via Convento Delle Grazie 5, commerciante,  Assessore presso l’amministrazione del comune di S.Maria Capua Vetere, è presidente della “Gladiator ASD” - squadra di calcio sammaritana – che gestisce, tra gli altri,  unitamente a GAUDIANO Maurizio, nato a S.Maria Capua Vetere il 17.04.1961, rappresentante legale e PERRINO Raffaele, la s.a.s. “Ro.Ma.Service” (p.i. 02042270617) che ha quale oggetto sociale l’installazione di apparecchiature per il controllo delle infrazioni al C.d.S. e segnaletica stradale in genere per Enti pubblici ed in particolare per i compartimenti provinciali dell’Anas; è inoltre gestore di fatto del ristorante denominato “POCO LOCO S.r.l.” corrente in S.Prisco (CE), viale Europa – Complesso La Meridiana, del quale è comproprietaria di 1/6 la moglie AMBROSINO Michela. Amministratore unico di tale azienda di ristorazione è AMIRANTE Bruno, nato a Napoli il 15.06.1972, residente a S.Maria Capua Vetere via Roma nr. 73. La AMBROSINO ricorre inoltre nella S.r.l. “OCN SERVICE”, con sede in Caserta, via Ferrarecce nr.191, avente da oggetto la progettazione e l’installazione, civile ed industriale di sistemi di automazione. "