Politica

CANCELLO ED ARNONE Questo è uno spreco. Emerito si crede Pisapia o Ignazio Marino e si fa pagare l’autista dai contribuenti del suo paese

Con la delibera n° 9 la giunta ha riconfermato l'ufficio staff del sindaco. I suoi componenti saranno assunti con contratto collettivo nazionale di lavoro del personale enti loc


Con la delibera n° 9 la giunta ha riconfermato l'ufficio staff del sindaco. I suoi componenti saranno assunti con contratto collettivo nazionale di lavoro del personale enti locali. L'incarico potrà avere una durata non superiore al mandato elettivo del sindaco. Non si esclude, però, e ce lo auguriamo con tutto il cuore, la possibilità di un impiego nello staff di dipendenti del comune. CLICCA QUI PER LEGGERE LA DELIBERA CANCELLO ED ARNONE – In molti è forte l’ idea che le amministrazioni dei piccoli centri, diciamo di paesini che non superano i sette, otto mila abitanti, abbiano di certo grandi responsabilità gestionali ma non abbiano, invece, assolutamente necessità di munirsi di tutti quegli apparati esterni, forse eccessivi,  finalizzatii all'aiuto dei politici eletti nei processi di  governo comunale. Ripetiamo: parecchie, e tra questi ci siamo anche noi, hanno la convinzione che per gestire una paese di circa 5 mila e 300 abitanti, soprattutto in un periodo di crisi generale come quello che stiamo vivendo, basta sfruttare tutti i mezzi ordinari che ogni amministrazione ha in dotazione. A Cancello ed Arnone, contrariamente a questa nozione,  a quanto pare la pensano diversamente: Emerito ha deciso di riconfermare l’ufficio  Staff del sindaco. Sia chiaro, il Tuel lo consente ed è pure una pratica abbastanza diffusa. Qualcuno, però,  potrebbe presentare dei discorsi di opportunità, basati sul risparmio, sullo spreco, sulla gestione oculata del denaro dei contribuenti. Emerito nella delibera che riapprova lo staff, forse per contrastare in anticipo discorsi del genere, spiega che tale decisione è stata presa  solo perché il “comune non versa in condizioni di deficitaria strutturale, non è in stato di dissesto finanziario ed ha rispettato il patto di stabilità” Con  delibera numero 9 del 2013 la giunta di Cancello ed Arnone ha precisato pure che lo Staff del sindaco non sarà costituito da grandi numeri, ma solo da due figure: “una con funzioni di filtro dell'utenza che quotidianamente richiede udienza al sindaco nonché al raccordo politico delle direttive del sindaco tra il capo dell'amministrazione e i dipendenti, l'altra con funzione di collaboratore con prevalenti mansioni di autista del sindaco.” Altra precisazione: i componenti dello staff saranno assunti con contratto collettivo nazionale di lavoro del personale enti locali. L'incarico potrà avere una durata non superiore al mandato elettivo del sindaco e potrà essere revocato in qualsiasi momento senza obbligo di alcuna motivazione. Probabilmente le casse di Cancello consentono, dal punto di vista finanziario, l’istituzione dello staff. Noi, forse un po’ retrò, siamo della vecchia scuola, siamo per l’austerità e consideriamo le assunzioni di un filtratore di utenza e di un autista, leggermente dispendiose, anche se, e questo è ovvio, il loro lavoro sarà al servizio dell' amministrazione pubblica. C'è anche la possibilità che i componenti dello staff non siano esterni, ma interni, cioè dipendenti del comune. In questo caso si tratterebbe di una riqualificazione dei loro compiti che non comporterebbe un'ulteriore spesa. Speriamo che Emerito adotti questa opzione. Giuseppe Tallino