Cronaca Bianca

CASERTA, città di PAPPONI!!! Centinaia e centinaia di biglietti omaggio al recital di Siani e chi ha pagato si è dovuto sedere sulle scale

Domandina: il noto organizzatore di eventi Mimmo Brandi a cui non è stata affittata l'area del mercato di via Ruta, ma i campetti della Reggia, che sono costati ai cittadini 18 m


Domandina: il noto organizzatore di eventi Mimmo Brandi a cui non è stata affittata l'area del mercato di via Ruta, ma i campetti della Reggia, che sono costati ai cittadini 18 milioni di euro, ha pagato almeno la Tosap? Un canone per l'utilizzo o almeno una schifezza di assicurazione su eventuali danni arrecati. Ieri, domenica, davanti ai turisti una bella sfilata di cessi chimici non rimossi dopo il recital CASERTA - Il solito schifo centinaia e centinaia di biglietti omaggio, consegnati a profusione ai privilegiati dell'amministrazione comunale, ai consiglieri, agli amici e agli amici degli amici, con il redivivo assessore Emilio Caterino nel ruolo di gran cerimoniere. E' successo l'altra sera al recital di Alessandro Siani. Chi aveva il biglietto omaggio si è seduto nelle prime file e sulle sedie. Chi il biglietto lo ha pagato a prezzo non certo morigerato, ha dovuto assistere ad uno spettacolo sedendosi sulle scale. Non vogliamo fare un articolo lungo perchè ormai ci siamo rotti le scatole di scrivere sempre le stesse cose. Il comune di Caserta ha concesso all'organizzatore dell'evento, il solito Mimmo Brandi, molto caro all'ex assessore Ucciero, non uno spazio qualsiasi, ma i campetti della Reggia. Per farli, in passato, sono stati spesi 18 milioni di euro, presi direttamente dalle casse del pubblico danaro: insomma, è come se a Parigi avessero concesso i prati di Versailles. Per tutta la giornata di ieri, domenica nessuno degli organizzatori si è preso la briga di rimuovere i gazebo, le attrezzature e non hanno tolto nemmeno i cessi chimici. Questo ha rappresentato il panorama che si sono trovati davanti gli ormai pochi turisti che ancora hanno lo stomaco di venire a visitare il monumento più bistrattato del mondo. Domanda: il singor Brandi ha pagato la tassa per l'occupazione del suolo pubblico? Seconda domanda: il comune di Caserta affitta i campetti della Reggia. Dunque c'è da pensare che abbia introitato un canone, che abbia preteso la stipula di un'assicurazione per eventuali danni arrecati al prato e a tutta l'area. Ha fatto tutto questo il Comune o il corrispettivo è rappresentato solo dalla solita cialtronesca, coatta profusione di biglietti omaggio per panzoni, per le solite 4 mignotte, per le femmine imbellettate e per i loro eredi che si avviano a diventare più coglioni dei loro padri? Gianluigi Guarino