Cronaca Bianca

SENSO CIVICO scrive alla Boldrini per la questione Asl. Petrella: "Ci rivolgiamo alla sede naturale della democrazia per capire quanto vale il nostro diritto alla salute"

COMUNICATO STAMPA - Il comitato cittadino Senso Civico, in linea con le numerose iniziative messe in campo a tutela del diritto della salute, ha deciso di portare la questione all


COMUNICATO STAMPA - Il comitato cittadino Senso Civico, in linea con le numerose iniziative messe in campo a tutela del diritto della salute, ha deciso di portare la questione all’attenzione della Camera dei Deputati, attraverso lo strumento costituzionale della petizione GRAZZANISE - E’ stata, infatti, trasmessa alla Presidente dell’Assemblea di Montecitorio una lunga nota in cui il comitato, nella persona del Presidente, ad un anno esatto dalla delibera della Giunta Regionale, che mandava Grazzanise a S. Maria C.V., riassume e stigmatizza il disagio legato a tale scelta e rivendica la revisione di quella delibera ed un ritorno al vecchio assetto.   “il Comitato- scrive il presidente Enrico Petrella- sente la gente e sa che la gente è stufa di subire le decisioni assunte sopra la propria testa, senza alcuna ragione e con un revisionismo sconcertante. E ritiene che ora è tempo di stringerci per rivedere questa scelta della Regione. Il Comitato e i cittadini vogliono che tutto torni come prima per Grazzanise. Gli unici interessi che  stanno a cuore al Comitato sono quelli degli utenti che ora sono costretti ad affrontare un percorso più lungo, peraltro, senza alcuna connettività per raggiungere le diverse sedi su cui è allocato il distretto medesimo.   Inoltre, ad onor del vero, occorre ricordare che il Comitato in questi anni ha svolto una serie di iniziative partendo da maggio 2011 e confrontandosi anche con le forze politiche presenti sul territorio, in quello stesso mese, sull’importante tematica del diritto alla salute e sulla presenza di infrastrutture (guardia medica, presidio e distretto). Lo testimonia sia l’allestimento di un gazebo che il comunicato congiunto al termine della riunione con le altre forze politiche. Reiteratamente, poi, le problematiche sulla salute sono state poste all’attenzione degli enti territoriali. Infine, occorre ricordare che lo scorso 5 ottobre, alla luce della  delibera della giunta regionale, il comitato è intervenuto con una nota estremamente polemica su quanto stava accadendo ed appellandosi al buon senso di tutti. “In questi anni, come si vede, siamo stati – conclude Enrico Petrella – fortemente attenti  alla tutela del diritto alla salute, come peraltro testimoniano le nostre battaglie a difesa dell’ambiente (amianto, degrado delle campagne). Ora ci rivolgiamo alla sede naturale della democrazia perché qualcuno ci spieghi quanto vale il nostro diritto alla salute e per quale ragione l’intera collettività debba essere spedita di qua e di là per la soddisfazione  del  medesimo diritto.