Cronaca Nera

CASERTA Baby ladre tentano il colpo in un appartamento di Corso Trieste. Arrestate in via Unità d'Italia dagli agenti della Volante

Una ragazzina di appena 14 anni e una 23enne di Mondragone hanno cercato di forzare la porta di un'abitazione, ma la titolare ha reagito e le ha messe in fuga CASERTA - Nella mat


Una ragazzina di appena 14 anni e una 23enne di Mondragone hanno cercato di forzare la porta di un'abitazione, ma la titolare ha reagito e le ha messe in fuga

CASERTA - Nella mattinata di oggi, martedì 2 luglio 2013, alle ore 11,30 circa, gli agenti della Squadra Volante della Questura di Caserta, diretta dal vice questore aggiunto, Riccardo Di Vittorio, nel corso dei quotidiani servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione dei reati di criminalità diffusa, ha tratto in arresto per  tentato furto aggravato in concorso,  2 donne di etnia slava, pregiudicate: Dafina Milanovic, 23enne residente a Mondragone e N. M., nata a Palermo 14enne domiciliata presso il campo nomadi di Secondigliano.

Alle ore 10.00 circa personale della Squadra Volante, su disposizione della Sala Operativa, si è portato in Corso Trieste, presso un’abitazione privata, per una segnalazione di furto in atto.

Giunti sul posto, gli operanti hanno contattato la vittima, la proprietaria dell'appartamento, la quale ha riferito che pochi istanti prima, mentre era all’interno dell’abitazione, ha udito dei rumori provenire dall'esterno della porta di ingresso, quindi immediatamente dallo spioncino della porta ha tentato di comprendere cosa stesse accadendo fuori casa sua. La donna ha intravisto nel contempo due ragazze che cercavano di forzare i cardini laterali di un'anta della porta.

Immediatamente ha aperto la porta e le due persone di sesso femminile, delle quali ha fornito un’accurata descrizione somatica, si sono date alla fuga attraverso le scale.

Gli agenti, sulla scorta delle indicazioni ricevute, hanno attivato le ricerche delle responsabili del tentato furto. Le stesse sono state individuate nella vicina via Unità Italiana, nel mentre stavano ancora correndo per guadagnare la fuga.

I poliziotti, pertanto, hanno provveduto a fermare le ragazze ed ad accompagnarle in Questura, dove sono state riconosciute dalla vittima del tentato furto.

Addosso ad una di esse è stato rinvenuto un grosso cacciavite, sottoposto a sequestro, adoperato per aprire la porta dell'appartamento.