Politica

MARCIANISE Pierluigi Salzillo vuole la presidenza a cui aspira anche Topo. Domani parte la mediazione della Petrenga

I nodi da affrontare sono relativi sia agli equilibri delle le poltrone tra le varie forze sia ai problemi interni del Pdl. Si all'assessore in quota sindaco, ma non con la carica


I nodi da affrontare sono relativi sia agli equilibri delle le poltrone tra le varie forze sia ai problemi interni del Pdl. Si all'assessore in quota sindaco, ma non con la carica di vicesindaco MARCIANISE - Il lavoro che attende la deputata Giovanna Petrenga non è di quelli semplicissimi, dato che, dopo aver ricevuto la delega da Francesco Nitto Palma per seguire le trattative per la giunta comunale, dovrà lavorare su un doppio fronte: da un lato cercare l'equilibrio giusto di rappresentanza tra tutte le liste di maggioranza, dall'altro cercare di mettere un po' di ordine all'interno del Pdl marcianisano. Abile e utile la mossa della Petrenga di portare con se nei colloqui anche Angelo Polverino, il quale, come è noto, ha un ascendente non da poco su quelli di Marcianise Più, ma è in buoni rapporti anche con il sindaco De Angelis, dato che abbiamo scoperto che il suocere del figliolo, Achille Maria, collabora proprio nella segreteria di Polverino. De Angelis chiede un nome, un suo assessore di fiducia, lo avrà. Probabilmente sarò l'avvocato Accinni, ma è difficile che gli alleati gli diano il via libera perchè Accinni o chi per lui faccia anche il vicesindaco. Anche perché di pretendenti alla carica ce ne sono altri. E' il caso di Laurenza di Marcianise Più. Nei giorni scorsi abbiamo scritto dell'intenzione del votatissimo infermiere marcianisano di entrare in giunta. Ma vuole entrarci con la carica di numero 2 della città. Questione aperte anche quella della presidenza del Consiglio a cui guarda con grande interesse Topo, un altro eletto della lista di Marcianise Più. Fermo restando la richiesta di Fratelli d'Itlaia e di Gerardo Trombetta di 2 assessori e l'istanza di rappresentanza del gruppo di Paride Amoroso, veniamo alle questioni del Pdl. Pare che Pierluigi Salzillo, medico, sia arrivato dal Pdl nell'Udc, ritenendo di saperla molto lunga in fatto di politica. Salzillo punta anche lui alla presidenza del Consiglio. Un'eventualità un po' complicata dato che è arduo pensare che un partito, in questo caso il Pdl, possa esprimere contemporaneamente sia il sindaco che il presidente del Consiglio comunale. Ma nel Pdl ci sono anche gli aspiranti assessori. Abbiamo scritto nei giorni scorsi dell'ipotesi dell'Arecchia. Nello stesso partito scalpita anche un consigliero eletto che entrerebbe volentieri nell'esecutivo: si tratta di Biagio Tartaglione Domani altra puntata. G.G.