Politica

Bufera in Grande Sud. Paride Amoroso lascia il partito e accusa Ventriglia dopo il blitz con Corvino e Ursomando

Decisione irrevocabile nonostante l'intervento di Miccichè che ha tentato di ricomporre la frattura. Il consigliere comunale di Marcianise ha rifiutato l'offerta di diventare res


Decisione irrevocabile nonostante l'intervento di Miccichè che ha tentato di ricomporre la frattura. Il consigliere comunale di Marcianise ha rifiutato l'offerta di diventare responsabile regionale per gli enti locali e si appresta a costituire il gruppo di Forza Italia del comune di Marcianise CASERTA - E' guerra aperta dentro Grande Sud.Il blitz effettuato  dal coordinatore regionale Domenico Ventriglia, tra l'altro sindaco di Curti, ha, in pratica, tagliato fuori dalle poltrone che contano Paride Amoroso, che fino a qualche giorno fa era il coordinatore provinciale del partito fondato da Gianfranco Micciché. Amoroso e Micciché si sono parlati in queste ore. Il leader siciliano ha anche contattato Ventriglia il quale avrebbe offerto ad Amoroso la carica di responsabile regionale per gli enti locali. "Qui non si tratta di cariche - dichiara Amoroso a Casertace - ma di stile, di etica politica. Sono stato io a portare Ventriglia da Miccichè per la candidatura al Parlamento. In un partito si possono cambiare gli uomini, ma si deve discutere. Gli atti monocratici danno scarsa credibilità all'azione politica e al ruolo di Grande Sud. Fermo restando la mia stima e amicizia con Miccichè, che restano intatte, io da oggi mi considero fuori da questo partito". La tempesta si è scatenata subito dopo l'evento svoltosi nell'hotel Europa di Caserta e di cui il nostro giornale ha fornito notizie in esclusiva, in relazione al passaggio in Grande Sud dei due consiglieri comunali di Caserta Pasquale Corvino ed Edgardo Ursomando. Ventriglia in quell'occasione ha annunciato la nomina dello stesso Ursomando a coordinatore provinciale, detronizzando, in pratica, Paride Amoroso. "Si tratta di una moanvora - ha detto quest'ultimo - orchestrata da Polverino, per rafforzare la posizione barcollante del sindaco Del Gaudio e per associare nuovi sostenitori alla sua ambizione di candidarsi alle prossime elezioni europee. Questi sono giochini da vecchia politica e io me ne tiro fuori." Cosa farà ora il consigliere comunale di Marcianise? "Diventeremo gli apripista di Forza Italia, dato che nel consiglio comunale di Marcianise costituiremo, io e tutto il gruppo che ha partecipato all'avventura di Grande Sud, il gruppo del nuovo partito di Berlusconi." G.G.