Politica

ESCLUSIVA La nomina a vice coordinatrice del Pdl della Ucciero è illegittima. Vi spieghiamo il perchè

Se ne accorgerebbe anche un bambino delle elementari leggendo l'articolo 31 dello statuto del partito CASERTA - Un grande magistrato come Pasquale Giuliano è abituato evidente


Se ne accorgerebbe anche un bambino delle elementari leggendo l'articolo 31 dello statuto del partito CASERTA - Un grande magistrato come Pasquale Giuliano è abituato evidentemente a bazzicare con le grandi fonti del diritto, con i codici, con le sentenze della corte costituzionale o della cassazione. Dunque, magari è portato ad essere un po' distratto con le piccole fonti del diritto, in questo caso con lo statuto che regola la vita del suo partito, del partito di cui è coordinatore provinciale. Recita l'articolo 31 :"All’interno del Coordinamento provinciale e del Coordinamento della Grande Città, il Coordinatore e il Vice vicario possono, d’intesa fra loro, nominare altri Vice coordinatori sino ad un massimo di 5", per cui la nomina della Ucciero è assolutamente illegittima ma in maniera clamorosa. Uno perché la Ucciero non fa parte del coordinamento provinciale del Pdl, che è condizione necessaria ai sensi dell'art. 31 per poter essere nominata in tempi successivi al congresso alla carica di vice coordinatore; secondo perché l'articolo 31 dice che un eventuale nomina di un vice coordinatore deve essere frutto di un'intesa tra il coordinatore provinciale e il vice coordinatore vicario. E siccome quest'intesa non c'è stata la nomina della Ucciero è un'invenzione estemporanea di Pasquale Giuliano che non ha alcun fondamento statutario e questa figura non certo edificante un giurista del livello di Pasquale  Giuliano se la poteva anche evitare.