Politica

CANCELLO ED ARNONE La sfida incrociata di Ambrosca ed Emerito. Il primo "Ora vi dirò chi vincerà il concorso". Il secondo: "Allora scrivi il nome in una busta e mandala alla Procura"

A consiglio comunale eletto e già insediato il clima continua ad essere rovente.  CANCELLO ED ARNONE - Sarà necessario, e curioso, capire se il fervore oppositorio di Ambros


A consiglio comunale eletto e già insediato il clima continua ad essere rovente.  CANCELLO ED ARNONE - Sarà necessario, e curioso, capire se il fervore oppositorio di Ambrosca sia figlio della sconfitta ancora "fresca" o se, stavolta, l'avvocato di Arnone, ha deciso realmente di dar vita, per i prossimi 5 anni, ad un fronte di minoranza duro e duraturo, termini, sia chiaro, di dipietrania memoria. D'altronde si sa, fa più danno un'opposizione inesistente che una maggioranza inefficiente, quindi ben venga un Ambrosca così agguerrito. Per il momento, a onor del vero, Raffaele Ambrosca sembra promettere bene. Si dà da fare. Mostra il suo animo guerrigliero a colpi di comunicati piccanti. L'ultimo che ci è arrivato in redazione ha come argomento il concorso bandito dal sindaco Emerito per un posto part time a tempo indeterminato di funzionario contabile categoria D/3. Dell'opportunità di questo concorso Ambrosca ne ha parlato tanto anche durante la campagna elettorale e, adesso, a consiglio comunale insediato e  inaugurato, si spinge oltre, proclamando che sabato mattina, alle 10 e 30, darà prova delle sue doti di "chiaroveggente, annunciando in anticipo il nome del vincitore del concorso" L'ex sindaco di Cancello ed Arnone, nella sua nota, declina anche le presunte atipicità che vede nel concorso: "In primo luogo si è deciso di bandirlo con il parere contrario dei revisori dei conti che hanno ravvisato il mancato rispetto del principio di rotazione del personale da parte dell’amministrazione – ha spiegato l'avvocato – passando alla commissione, il segretario, norme alla mano, dovrebbe avere una qualifica pari o superiore a quella che si mette a concorso, mentre, nel caso specifico, invece chi esercita tale funzione ha un titolo inferiore. Non è, inoltre, stato rispettato il principio della parità di genere in commissione". Gli altri particolari della cassandrina divinazione Ambrosca ha promesso di rivelarli sabato, appunto, in conferenza stampa, quando parlerà anche "di altre scottanti questioni che turbano Cancello Arnone". Il comunicato del leader della minoranza consiliare è molto piccante e noi, non abbiamo potuto fare a meno di porgere la questione direttamente al sindaco Emerito. Il primo cittadino è apparso calmo, sicuro: "Beato lui che riesce a fare il mago. - ha commentato Pasqualino Emerito - Non sono stati ancora corretti i temi e già conosce l'identità del vincitore. Se vuole può scrivere anche il nome, inserirlo in una busta chiusa e mandarlo alla Procura della Repubblica." Emerito controbatte anche  le critiche di Ambrosca sull'opportunità del concorso. "Il vincitore andrà a ricoprire una figura infungibile. In comune non c'è un ragionieri verticistico e siamo costretti ad affidarci a professionisti con contratti determinati. Questo crea precarietà e soprattutto va ad azzerare la conoscenza storica dell'impiegato negli atti amministrativi. L'introduzione di questo ruolo - conclude il sindaco - contribuirà a consolidare la stabilità gestionale del comune. E vi assicuriamo che se lo abbiamo fatto è perché non avrà una cattiva incidenza sulle casse del comune." Questo il botta e risposta tra sindaco ed ex sindaco. L'aria, già calda si suo, a Cancello ed Arnone, a quanto pare, non riesce proprio a stemperarsi dopo la rovente campagna elettorale. Vedremo come andrà a finire. Giuseppe Tallino