Cronaca Bianca

Consorzio Idrico, la Regione vuole estromettere la Provincia. Zinzi si infuria, Di Costanzo si sente già presidente

La notizia rilanciata dal sito Caiazzo Rinasce.net sostiene una eventuale cambio della guardia alla presidenza dell'ente che ha in gestione il servizio idrico in provincia di Case


La notizia rilanciata dal sito Caiazzo Rinasce.net sostiene una eventuale cambio della guardia alla presidenza dell'ente che ha in gestione il servizio idrico in provincia di Caserta  CLICCA QUI PER LEGGERE   CASERTA -  “La Regione Campania intende escludere la Provincia di Caserta dalla gestione del servizio idrico. Non dobbiamo permettere che ciò accada; Napoli, per quel che concerne il nostro territorio, non dovrà mettere le mani su un bene essenziale quale l’acqua”. A dichiararlo è stato il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi. “Le mie affermazioni – ha proseguito Zinzi – sono confermate da alcuni provvedimenti attuati dalla Regione negli ultimi mesi. Basti pensare, ad esempio, al decreto dirigenziale del 7 dicembre scorso, che trasferisce le reti idriche dal Consorzio Idrico Terra di Lavoro (CITL) alla società “Acqua Campania”, che diventerebbe, in tal modo, l’unico soggetto gestore del servizio in provincia di Caserta. Questo passaggio è stato possibile perchè la Regione non ha mai nominato un commissario per l’Ato5, figura che avrebbe dovuto attuare questo trasferimento delle reti idriche. Se le cose restassero così (c’è un ricorso in atto da parte del CITL) l’Ato5 si ridurrebbe ad essere una scatola vuota, priva di qualsiasi funzione concreta. Ciò andrebbe contro lo spirito con cui si è dato vita a questo organismo, i cui obiettivi restano quelli di garantire un risparmio per i cittadini, assicurare l’efficienza del servizio idrico e mantenere una gestione autonoma da Napoli”. “Il provvedimento che la Regione ha già tentato di adottare nello scorso dicembre, unitamente alla mancata nomina del commissario dell’Ato5 – ha aggiunto Zinzi – va nella direzione di escludere la Provincia di Caserta dalla gestione del ciclo integrato delle acque in Terra di Lavoro, avviando, contestualmente, una sorta di privatizzazione dello stesso servizio”. Le notizie che arrivano dalla Regione Campania parlano di una presidenza ad Angelo Di Costanzo, sindaco di Alvignano, espresso dal Pdl, come riferisce il sito Caiazzo Rinasce.net (CLICCA QUI PER LEGGERE )