Cronaca Nera

IN ESCLUSIVA TUTTE LE FOTO DEL BLITZ DELLA FINANZA NELLE CASE E NEI SANTUARI DEI COPPOLA: Tutte le aziende colpite. C'è anche il polo nautico

L'operazione coordinata dalla Dda della Procura di Napoli è stata eseguita stamane, al fine di effettuare anche una verifica delle dichiarazioni Iva. Un altro filone per presunti


L'operazione coordinata dalla Dda della Procura di Napoli è stata eseguita stamane, al fine di effettuare anche una verifica delle dichiarazioni Iva. Un altro filone per presunti illeciti ambientali è stato affidato al corpo forestale dello Stato [nggallery id=33]  CASTEL VOLTURNO - Ecco nel dettaglio tutte le aziende del Gruppo Coppola che sono state controllate, ispezionate dalla Guardia di Finanza di Napoli e coinvolte nella vicenda degli omessi versamenti Iva. Grazie allo stralcio del comunicato stampa della Dda presso la Procura della Repubblica di Napoli possiamo scrivere, che nell'operazione di stamane, mercoledì, risultano essere state sottoposte sotto la lente di ingrandimento dell'autorità giudiziaria: la Mirabella Spa, L'Agricola Ponteammare Srl, il Consorzio per Gricignano d'Aversa, Gricignano 3 Srl, Progetto Industrie Srl, la Servizi Turistici Srl e il Consorzio Tecnoservizi. Nella galleria fotografica che offriamo ai nostri lettori, i finanzieri del comando provinciale di Napoli hanno visitato in largo e lungo il polo nautico e alcune volanti hanno sostato presso la storica villa della famiglia Coppola. Per quanto concerne la questione ambientale, che è un altro filone d'inchiesta seguito dal corpo forestale dello Stato, sono stati perquisiti numerosi laboratori d'analisi del casertano, al fine di verificare e puntellare il provvedimento giudiziario che portò al sequestro del Polo Tecnologico della Nautica, sempre collegato al Gruppo Coppola, in cui furono rinvenuti rifiuti speciali e pericolosi. In calce all'articolo l'estratto del comunicato stampa della Dda di Napoli. Massimiliano Ive QUI SOTTO IL COMUNICATO STAMPA     Agg. 12.27 - Sigilli a immobili, partecipazioni azionarie, obbligazioni e disponibilita' di denaro liquido a carico degli amministratori di 7 societa', una Spa, 5 Srl e un consorzio, per omessi versamenti Iva negli anni 2010 e 2011, utilizzando anche la compensazione di crediti tributari che per il fisco sono inesistenti. Oltre al sequestro preventivo, eseguite anche perquisizioni da parte del nucleo investigativo di Polizia Ambientale che hanno riguardato aziende e laboratori di analisi sia del casertano che del napoletano, coinvolte in un traffico illecito di rifiuti. Questo filone di indagine e' nato dal sequestro di un complesso del gruppo Coppola, il polo tecnologico della nautica, nel quale furono rinvenuti rifiuti speciali e pericolosi su una superficie di 20 ettari, tra cui amianto triturato.   CASTEL VOLTURNO -  Le fiamme gialle, su mandato della Procura di Napoli, stamattina, mercoledì stamattina hanno visitato gli uffici delle società che appartengono al gruppo Coppola. Risultato: un sequestro di beni per circa 10 milioni di euro a diverse entità imprenditoriali del gruppo Coppola che fa capo ai costruttori di Castel Volturno, famiglia dell'ex vicepresidente di Confindustria, Cristiana Coppola. L'indagine della procura di Napoli e' stata affidata al nucleo tributario della Guardia di Finanza, ed e' partita da controlli su alcune societa' del gruppo, evidenziando soprattutto mancati versamenti di Iva, Ma il decreto emesso dal gip riguarda anche un secondo filone di inchiesta, relativo a presunti illeciti ambientali, delegato al corpo forestale dello Stato. Quindi si presuppone che dietro a tale vicenda ci sia proprio anche l'attività svolta nel comprensorio che da  Fontana Blu alla Darsena. Il gruppo Coppola negli anni '70 e '80 e' diventato noto alle cronache per l'abuso edilizio del villaggio omonimo, in una delle pinete piu' belle del litorale flegreo, un ecomostro che fu oggetto poi di un accordo con la Regione Campania, in base al quale le 8 torri sulla spiaggia furono abbattute.