Politica

MARCIANISE - Il comizio di Foglia nel rione San Giuliano, proiettato un video a sostegno del candidato sindaco

L'avversario di De Angelis continua ad attaccare il neurologo sul possibile sostegno esterno di Tartaglione MARCIANISE - “Noi con Ciro, vogliamo a differenza di altri, vincere c


L'avversario di De Angelis continua ad attaccare il neurologo sul possibile sostegno esterno di Tartaglione

MARCIANISE - “Noi con Ciro, vogliamo a differenza di altri, vincere con Marcianise”.

Sono le ultime parole del video su degrado, potenzialità e idee di crescita della città  proiettato poco prima del comizio di ieri sera nel rione San Giuliano, per suggellare lo spirito, il valore, il motivo, la consapevolezza di una chiamata alle armi per ridare alla propria città il ruolo che merita.

A dare man forte l’intervento del candidato sindaco, Ciro Foglia: “Negli ultimi 7 anni la mia città ha vissuto una condizione anomala, di sottosviluppo perché, al di là del preoccupante problema occupazionale, son mancate le condizioni minime di vivibilità dalle strade dissestate, alla totale assenza di manutenzione del verde pubblico e all’inefficienza dell’illuminazione pubblica”.

Il candidato sindaco però, ha la ricetta per uscire dal buio e far risplendere la sua città.

“Con un programma ambizioso, concreto, innovativo e una squadra di governo competente - ha aggiunto Foglia - Marcianise rialzerà la testa e ogni cittadino riacquisterà la dignità di appartenenza alla nostra comunità. Avremo una macchina amministrativa trasparente, efficiente dove al diritto del cittadino corrisponderà il dovere dell’amministratore e dell’ amministrativo. Con me sindaco, inoltre, le opportunità del territorio non saranno per l’amico di Ciro Foglia ma di tutti i 40.000 cittadini e ogni giorno l’amministrazione comunale attuerà un’attività d’ascolto e confronto con i cittadini”.

Foglia, poi, non ha risparmiato  qualche sferzante battuta al suo competitore.

“Dopo Fecondo che aveva un’idea complessiva di città e contenuti su cui confrontarsi- attacca Foglia- è sopraggiunto il nulla perché il mio competitore sa solo denigrare la mia persona, definendomi privo di autonomia decisionale e di giudizio, acefalo o con il lobo destro occupato da Zinzi e quello sinistro da Squeglia”.

Va giù pesante, infine, quando precisa: “ i miei alleati oggi son quelli di ieri e in più si è realizzata una convergenza programmatica con Sel e Pd su alcuni importanti temi quali la tutela ambientale e Ring Verde, mentre De Angelis oltre agli amici che hanno portato alla rovina la città, Antonio Tartaglione, Gerardo Trombetta, Angelo Polverino ha imbarcato anche Gaetano Tartaglione. Non ci sarà alcun termovalorizzatore, anzi se il mio competitore avesse avuto qualche altra settimana per fare campagna elettorale, mi avrebbe accusato di portare la bomba atomica a Marcianise e non consentirò mai che l’ospedale venga chiuso”.