Cronaca Bianca

MARCIANISE - De Angelis: "Subito uno studio sull'incidenza dei tumori sul territorio"

Il candidato del centro destra:” Realizzeremo anche il Ring Verde per migliorare la vivibilità della città” MARCIANISE - “Lo sviluppo della nostra città non può e non deve


Il candidato del centro destra:” Realizzeremo anche il Ring Verde per migliorare la vivibilità della città”

MARCIANISE - “Lo sviluppo della nostra città non può e non deve avere alcun colore politico. Per questo porteremo avanti  tutte le opere che riterremo utili al progresso urbano, alla salvaguardia ambientale ed alla tutela della salute pubblica, a prescindere dalla loro paternità. In quest’ottica, da sindaco, istituirò una commissione per la vigilanza sull’incidenza tumorale del territorio e completerò il Ring Verde.  ”.

A esplicitare l’intento programmatico, Antonio De Angelis, candidato sindaco del centro destra, che, relativamente alla prima proposta chiarisce: “Tale organismo dovrà collaborare con l’Asl casertana, con le Commissioni Invalidi Civili, con i responsabili del Registro Tumori campano, con i Medici di Medicina Generale e tutti gli operatori coinvolti. L’obiettivo sarà quello di formare un pool di esperti che potrà proseguire lo studio della rilevanza delle neoplasie sul territorio, fornendo perciò alla popolazione ed alle istituzioni preposte dati concreti su cui operare. Il resoconto finale sarà inviato agli organismi competenti.”.

Il progetto rientra in un più vasto programma di difesa della salute e dell’ecosistema locale.  In tale ambito De Angelis  non manca di inserire il completamento del polmone verde, in via di realizzazione nella zona di Trentola.

“Il Ring Verde – afferma il medico neurologo- è stato finanziato dalla Regione nell’ambito dell’accordo di programma «accelerazione della spesa nelle aree urbane», inserito nel Pit orafo. Lo stanziamento totale ammonta a 5 milioni di euro, dei quali solo trecentomila a carico del Comune. Come noto, il progetto prevede una separazione con diversi filari alberati tra la zona industriale e la città in modo da formare un corridoio verde che non solo servirà da barriera contro l’inquinamento, ma avrà anche la funzione di un grande parco urbano cingente la città”.

Come ha spiegato De Angelis, “con la creazione dell’imponente area verde nei pressi del velodromo, e con la bonifica della discarica di S. Veneranda e dei siti inquinati, con la promozione di coltivazioni con finalità non alimentari, l’ambiente marcianisano riprenderà ad essere una risorsa per i cittadini e non più l’emergenza a cui fare costantemente fronte”.