Politica

CASERTA - Finalmente si alza la cortina di silenzio sul PUC. Domani, lunedì alle 18, il Pdl riunisce esperti bipartisan

Appuntamento al Crowne Plaza. All'interno tutti i nomi dei partecipanti. Caserta - Domani, lunedì 3 giugno, alle ore 18, al Plaza(ex Crowne ), un Convegno sul PUC  e sull’inevi


Appuntamento al Crowne Plaza. All'interno tutti i nomi dei partecipanti.

Caserta - Domani, lunedì 3 giugno, alle ore 18, al Plaza(ex Crowne ), un Convegno sul PUC  e sull’inevitabile relazione con i Beni Culturali, una  riflessione su cosa possa significare per la città un nuovo piano urbanistico in termini di opportunità e, quindi, di crescita e di  sviluppo, “ Ho pensato ad una riflessione che avesse un respiro trasversale e plurale - dichiara l’on.le Petrenga, - che fosse arricchita dal contributo di professionalità laiche e della voce di associazioni che sono volte alla valorizzazione e alla tutela dei Beni Culturali, un piano strategico come il PUC non è, non può e non deve, essere ristretto ad una sola ottica, è interesse di tutta la conurbazione casertana cogliere positivamente tale opportunità”. Infatti l’on.le Petrenga, segretaria cittadina del PDL e membro della Commissione Parlamentare Cultura, oltre ai rappresentanti istituzionali dell’urbanistica regionale,Marcello Taglialatela, provinciale, Gianni Mancino e comunale Giuseppe Greco, e alle associazioni industriali , Confindustria Caserta con il presidente Luciano Morelli ,la Camera di commercio con Tommaso de Simone e PMI con Francesco Marzano, ha coinvolto espressioni professionali altamente significative come gli architetti Raffaele Cutillo e Flavia Belardelli, l’avvocato Giuseppe Ceceri, il geologo Domenico Trovato e lo scrittore Antonio Pascale. Dopo il saluto delle autorità, tra cui il Sindaco Del Gaudio, aprirà i lavori  l’intervento degli architetti Massimo Pica Ciamarra e Patrizia Bottàro che relazioneranno sullo stato del PUC. È previsto un dialogo interattivo con gli esponenti degli Ordini professionali, per gli Ingegneri Vittorio Severino e, per gli architetti,Enrico de Cristofaro dei rappresentanti di Unesco, Jolanda Capriglione, Italia Nostra, Maria Carmela Caiola, Legambiente,Gianfranco Tozza, e FAI con Dante Specchia. Confronti di idee, interazioni e dibattito che vedranno coinvolti anche coloro che, tra i partecipanti, si vorranno iscrivere per un intervento, il tutto coordinato e moderato dalla giornalista Francesca Nardi. Un appuntamento per la città che, forse proprio per la sua apertura e per lo spessore degli interventi, ha destato qualche polemica che, per la verità, è rimasta isolata e, sicuramente, sorpassata dalla voglia di futuro e di riscatto che questa città non solo desidera , ma pretende. È destinata al tramonto quella pseudo-politica del “tanto peggio tanto meglio” che ha eretto a propri alibi troppi staccati pseudo ideologici,   alibi, appunto,  dell’inazione e della mancanza di trasparenza. Ora i tempi, nonché i risultati disastrosi di tale ottica, impongono una diversa concretezza e la dovuta trasparenza. È l’idea di “bene” per la città e la comunità che sorpassa le polemiche e i cavilli senza soluzione voluti e dettati solo da interessi dei singoli e delle parti.

Stefania Modestino