Politica

MADDALONI AL BALLOTTAGGIO - Gaetano Esposito: "Colpa di De Filippo il mancato accordo tra lui e il Pd"

COMUNICATO STAMPA - Il candidato sindaco, annunciando la libertà di voto per il secondo turno spiega la sua verità sulle ultime, concitatissime giornate MADDALONI - Gli elett


COMUNICATO STAMPA - Il candidato sindaco, annunciando la libertà di voto per il secondo turno spiega la sua verità sulle ultime, concitatissime giornate MADDALONI - Gli elettori del centrosinistra di Maddaloni voteranno  secondo coscienza. Attraverso una nota, oggetto del comunicato stampa del 28 maggio scorso, il  Partito democratico di Maddaloni, aveva ringraziato tutti coloro che, con  impegno, avevano sostenuto e votato la lista del Pd/Sel e che si sono prodigati per  riuscire a far conoscere il programma che proponevamo, con anche la mia  candidatura a Sindaco, ai cittadini maddalonesi. Ed avevamo, altresì, spronato le due coalizioni contendenti alla guida del Comune  di Maddaloni a porre grande attenzione al confronto di idee e di contenuti per  migliorare la nostra città, a partire dagli irrinunciabili valori della legalità e della  trasparenza amministrativa, rinunciando formalmente a quei legami elettorali “problematici” già denunciati, da noi, nel primo turno. I punti discriminanti erano, sono e saranno: ? Puc: "Volumetria zero ed impossibilità, a Maddaloni, di consumare suoli  per cementificare. Volume zero per il centro storico. Il Piano Urbanistico Comunale deve rappresentare la via maestra delle cose serie e belle che  devono costituire una strategia di piano inibendo ogni forma di  cementificazione." ? Ambiente: Un chiaro No all’ampliamento di Cementir. Riqualificazione  ambientale e valorizzazione del Monti Tifatini. La proposta di cambiare  rotta deriva soprattutto dai problemi e dalle garanzia sulla salute dei  cittadini salvaguardandoli da ogni forma di intervento legata allo  stazionamenti e/o combustione di rifiuti urbani e rifiuti speciali o tossici. ? Sviluppo e territorio: "Interporto, prevedere e rilanciare - nel territorio di competenza del comune di Maddaloni - la ripresa delle attività produttive a  vocazione industriale legata ai sistemi di logistica integrata. Un deciso e determinato No a cambi di destinazione d’uso dell’area." ? Servizi sociali e sanità: "Contro ogni possibilità di chiusura dell’Ospedale  Civile di Maddaloni a vantaggio di qualsivoglia forma di sanità privata."Questa era, è e resta la posizione del Partito Democratico di Maddaloni. E' stata una campagna elettorale problematica, difficile e aspra.  Soprattutto condotta ai limiti della correttezza e della legalità. Anche questi ultimi giorni sono stati contornati da manifestazioni infantili e forme  impolitiche di comportamento. Ciò non ci ha consentito di trovare nel movimento  civico che esprime come candidato a sindaco Andrea De Filippo, che per noi  poteva rappresentare un interlocutore istituzionale, la disponibilità a riunire le  forze, per condurre assieme la battaglia per rafforzare la politica di cambiamento  dell’Istituzione maddalonese, con la partecipazione attiva e formale del Pd. C’è stata invece una netta chiusura dovuta a “condizionamenti esterni” ed è così prevalso un sentimento di autosufficienza, che ha puntato a mettere in un angolo il  partito che più di altri in questi anni è stato in grado di garantire ai cittadini una  forte opposizione all’Amministrazione Cerreto. Periodo difficile che ha portato al  dissesto politico, economico e sociale della nostra città. Per questi motivi, oggi ed anche dopo il dieci di Giugno, assicuro al futuro  Sindaco che il Partito Democratico farà un’opposizione leale ed intransigente, ma  sempre attenta a quelle che riteniamo essere le esigenze di trasparenza e di legalità. Pertanto, ringrazio ad uno ad uno i concittadini che ci hanno votato e quelli che  invece hanno fatto altre scelte, ringrazio i nostri candidati che si sono impegnati  fino allo stremo e un particolare ringraziamento lo porgo a Sel per aver  combattuto, assieme a noi, una difficile e coraggiosa battaglia. Infine, per dare un senso alla nostra "terzietà" non abbiamo voluto formalizzare  alcun apparentamento e non abbiamo voluto sottoscrivere accordi politici: ne  preventivi, ne postumi. Gli elettori del centrosinistra di Maddaloni voteranno  secondo coscienza. Maddaloni, 1 giugno 2013. Gaetano Esposito