Politica

L'EDITORIALE S.MARIA C.V - Ora Simone e Munno non disdegnano più Biondi. Ecco quello che la città si aspetta dai nuovi assessori

Tra le rivendicazioni storiche del gruppo i Sammaritani c'era la richiesta di rimozione del dirigente dell'ufficio tecnico  Ora, incassata la poltrona, il problema non sembra pi


Tra le rivendicazioni storiche del gruppo i Sammaritani c'era la richiesta di rimozione del dirigente dell'ufficio tecnico  Ora, incassata la poltrona, il problema non sembra più sussistere.  Messa a reddito del patrimonio, onere di urbanizzazioni mai pagati, le cappelle cimiteriali. Vediamo un po' cosa sa fare questo Munno S.MARIA C.V - Finalmente Simone e Mattucci sono stati accontentati e i loro amici e sostenitori  Munno e Rinaldi siedono in giunta , ma una volta appurate le aspettative personali dei gruppi consiliari di maggioranza sembra doveroso  anche comprendere le aspettative di una città che si vede costantemente  tradita da coloro che designa a rappresentarla. Imprescindibili quindi sono i programmi caldeggiati dai singoli neo assessori con particolare riferimento all'attribuzione delle deleghe loro attribuite. Ricordiamo che a  Munno sono state conferite le deleghe in materia di patrimonio, verde pubblico, randagismo e servizi cimiteriali. Ebbene in merito alle deleghe conferite al consigliere Munno vorremmo ricordare che la lotta per la poltrona di assessore è iniziata, da parte del gruppo guidato da Simone, con una lotta, tra l'altro,  al dirigente Biondi reo, al tempo, secondo i "Sammaritani" di voler a tutti i costi concedere il permesso a costruire dei famosi 430 appartamenti nell'Ex Tabacchificio, che invece secondo il parere legale del noto amministrativista avv. Romano sarebbe del tutto illegittimo; lotta quindi proprio a quel dirigente che è preposto a quei settori affidati all' ass. Munno che , evidentemente ,ora che non siede più in Consiglio Comunale non disdegna più il dirigente part time Biondi. Speriamo, che il neo assessore abbia cambiato idea solo sulla persona del dirigente e non invece sui contenuti che si era impegnato a sostenere chiedendo i voti ai suoi concittadini : ci riferiamo in particolare per quanto riguarda la delega al Patrimonio alla ricognizione e valorizzazione di questo attraverso non solo il recupero degli affitti mai percepiti dall'Ente, ma anche ad una attualizzazione degli affitti degli immobili , non si può non ricordare che è stato previsto per dare l'Istituto Cappabianca alla Guardia Di Finanza la modica e simbolica cifra di 1000,00 euro annui. Ancora, sarebbe opportuno che l'ex consigliere Munno si dia da fare anche per la riscossione degli oneri di urbanizzazione  e delle aree mai cedute al comune se non sulla carta in convenzioni mai rispettate . Per quanto concerne i servizi cimiteriali, ci aspettiamo che finalmente si metta mano al recupero delle numerose cappelle pericolanti e una più oculata utilizzazione degli RSU. G.G.