Politica

MADDALONI AL BALLOTTAGGIO - La De Lucia offre la presidenza del Consiglio comunale a Gaetano Esposito che vacilla. Lite furiosa nella riunione del Pd

Ieri sera, giovedì, scontro duro tra il candidato sindaco e i vari Enzo Correra, Saba, Schiavone che guardano con maggiore simpatia ad Andrea De Filippo. Intanto, oggi, venerdì


Ieri sera, giovedì, scontro duro tra il candidato sindaco e i vari Enzo Correra, Saba, Schiavone che guardano con maggiore simpatia ad Andrea De Filippo. Intanto, oggi, venerdì la candidata del centrodestra incontrerà Enrico Pisani   MADDALONI - L'offerta fatta da Rosa De Lucia , sarebbe meglio dire dall'imprenditore Esposito che ne governa le mosse, a un altro Esposito, cioè a Gaetano Esposito, candidato sindaco del Pd ha fatto vacillare non poco le certezze di quest'ultimo. E' vero che nel centrodestra c'è buona parte di tutto quello che Gaetano Esposito ha denunciato e ha additato con durezza nel corso della sua campagna elettorale, tutta improntata sulla linea del cambiamento e della intransigente rivendicazione di una legalità non solo enunciata, ma è anche vero che la politica da queste parti difficilmente prevede che ognuno di quelli che la popolano possa rinunciare ad una poltrona, specialmente quando questa è prestigiosa. Ieri sera, dunque nella riunione del Pd, si è sfiorato di nuovo la rissa, mentre si è nettamente varcato il confine della lite verbale. Da un lato Gaetano Esposito e un altro Gaetano importante del Pd maddalonese, cioè Pascarella, dall'altra i vari Schiavone, Saba, Enzo Correra che di fare l'accordo con il Pdl e il centro destra non ne vogliono proprio sapere, non nascondendo, al contrario, una certa simpatia per le posizioni e per la proposta politica e programmatica di Andrea De Filippo. Tra le altre cose non è che si sia capito tanto bene se questo matrimonio che Espositodelucia ha offerto al Pd sia una unione santificata e formalizzata da un apparentamento ufficiale, oppure un'intesa non scritta, non sigillata dall'apparentamento, ma fondata sulla promessa della presidenza del Consiglio comunale, attribuita  a Gaetano Esposito, in quanto esponente dell'opposizione. Visto come ha combattuto ieri sera, giovedì, anche Gaetano Pascarella, si sarebbe portati a pensare che si tratti di un'ipotesi di apparentamento effettivo, dato che solo in questo caso Fabrizio Pascarella, nipote dell'ex senatore ed ex Sottosegretario, potrebbe approdare in Consiglio comunale dalla sua posizione di terzo classificato nel computo delle preferenze all'interno della lista del Pd. La riunione non è finita bene. Il Pd si è mostrato spaccato e si ha la sensazione che ci sia un gruppo fortemente orientato a votare, a prescindere, per Andrea De Filippo. Mancano meno di 48ore alla scadenza dei termini per la formalizzazione dell'apparentamento. Da domenica alle 12 tutto sarà più chiaro, anche in relazione ad un possibile accordo, a cui le parti stanno lavorando in queste ore tra la coalizione di Espositodelucia e quella capeggiata da Enrico Pisani. G.G.