Politica

MONDRAGONE - La clamorosa rivelazione di Mario Landolfi: "Ora vi racconto di quando Achille Cennami mi chiese di fare il ribaltone con lui"

L'ex ministro, in un posto su facebook che pubblichiamo integralmente qui sotto, esce per la prima volta allo scoperto e commenta l'ormai probabile accordo tra Schiappa e il Pd


L'ex ministro, in un posto su facebook che pubblichiamo integralmente qui sotto, esce per la prima volta allo scoperto e commenta l'ormai probabile accordo tra Schiappa e il Pd QUESTO IL TESTO INTEGRALE DEL POST DI MARIO LANDOLFI - Negli ultimi giorni ho incontrato molte persone, non tutte di Mondragone, che mi hanno chiesto un parere sulla situazione politica creatasi nella mia città a seguito delle dimissioni del sindaco e della probabilissima alleanza tra PdL e Pd. Lo faccio in maniera pubblica ripetendo ai miei lettori su Fb quel che ho risposto in privato. Il bipolarismo è ormai nelle coscienze dei cittadini, soprattutto a livello locale. Un sindaco è tale anche grazie alla coalizione che lo ha espresso. Modificarla equivale quindi certamente a disattendere il voto dei cittadini. Fu per questo che tre anni fa non accettai le "larghe intese" propostemi proprio da Cennami, allora sindaco. Non ne ho mai parlato prima, ma ora posso farlo perché il tempo trascorso ha politicamente sterilizzato quella vicenda. Anche allora le motivazioni erano nobili. Ma subordinai il tutto, anche una possibile alleanza tra di noi, alle sue dimissioni ed al fatto che il tutto fosse approvato dagli elettori. Non accettò. E quando i mondragonesi tornarono a votare premiarono il centrodestra eleggendo Schiappa. Ora, a parti invertite, la tentazione ritorna. Con una differenza: Cennami vi era in qualche modo costretto. Non così il sindaco attuale al quale, a quanto pare, nessuno ha mai chiesto di dimettersi. Non può quindi neppure invocare lo stato di necessità per legittimare la propria decisione. Siamo quindi in presenza di un vero ribaltone, cioè di un plateale e deliberato tradimento della volontà popolare. Mario Landolfi