Politica

MARCIANISE - De Angelis pronto a ricevere la Nugnes: "Con lei la nostra agricoltura avrà una marcia in più"

MARCIANISE - Non è nemmeno una settimana che Daniela Nugnes ha ricevuto l’incarico di assessore regionale alle Politiche Agricole, e già fa tappa a Marcianise per sostenere Ant


MARCIANISE - Non è nemmeno una settimana che Daniela Nugnes ha ricevuto l’incarico di assessore regionale alle Politiche Agricole, e già fa tappa a Marcianise per sostenere Antonio De Angelis nella sua corsa alla sindacatura.

La delegata della giunta Caldoro interverrà alle ore 18 di mercoledì 21 maggio presso il comitato elettorale di via Santoro in un incontro pubblico ed aperto alla cittadinanza.

In proposito De Angelis ha commentato: “La sua presenza è la testimonianza diretta e tangibile dell’esistenza di una filiera di centro – destra che si dispiega  in tutte le istituzioni governative sovralocali e che, con me come sindaco, sarà davvero a servizio del progetto di sviluppo di Marcianise, diversamente da quanto compiuto invece dal centro sinistra negli anni del suo monopolio politico e da Fecondo quando era alla guida della città

All’assessore Nugnes parlerò del mio programma: di bonifica della discarica di S.Veneranda e dei siti inquinati, della promozione delle colture con finalità non alimentari sui nostri terreni, con specifico riferimento al ritorno alla canapa. A tal fine le proporrò  di stipulare, dopo il mio eventuale insediamento al comune,  protocolli d’intesa  con la Regione e con le associazioni di agricoltori per dare incentivi a coloro che si indirizzeranno verso questo tipo di coltivazioni. Intendo già iniziare a dare concretezza ai miei programmi”.

Il candidato del centro – destra non manca di commentare anche l’azione di un altro dei suoi avversari: “Del resto io so bene cosa voglio costruire a Marcianise. Si può dire lo stesso per esempio di Ciro Foglia? Egli con i suoi interventi sul disgregatore molecolare  ha messo in evidenza le due caratteristiche che, prima di tutte, mi distinguono da lui: la libertà e la chiarezza. Il candidato del duo Zinzi- Squeglia si è infatti dovuto forse barcamenare tra le contrastanti idee che i due leader della sua coalizione avevano già espresso sul gassificatore e sugli impianti in generale.

Probabilmente non sapendo a quale dei due padroni doveva obbedire, li ha accontentati entrambi: prima ha fatto  capire che era pro disgregatore, poi con un comunicato ha ritrattato ed ha chiarito di essere favorevole, pur non volendolo realizzare a Marcianise. Con le sue affermazioni rivela una vaghezza che non può appartenere a chi vuole candidarsi a guida della città. Diversamente da lui io non ho padroni a cui dare conto. Per questo posso presentare le mie proposte in piena libertà ed assoluta chiarezza”.