Cronaca Bianca

S.MARIA C.V - Peppe De Lucia, promesso assessore, sarebbe dovuto diventare il comandante dei vigili urbani. E con buona ragione

Lui laureato in giurisprudenza e abilitato all'avvocatura, De Rosa che resta il gran favorito per questa super poltrona esperto in psiche umana. Ma ora con l'ipotesi di assessorat


Lui laureato in giurisprudenza e abilitato all'avvocatura, De Rosa che resta il gran favorito per questa super poltrona esperto in psiche umana. Ma ora con l'ipotesi di assessorato all'esponente di Fratelli d'Italia tutto dovrebbe comporsi SANTA MARIA C.V - Il concorso per comandante dei vigili urbani lo vincerà Francesco De Rosa. Lo abbiamo scritto nei giorni scorsi. Questa è una nostra previsione divinatori come quella che faceva anni fa Giucas Casella sul vincitore del Festival di Sanremo. Dunque nessun elemento che ci possa indurre a considerare in questa prelazione i contenuti di un bando che tra le altre cose non è ancora uscito. I titoli del reggente De Rosa sono autorevoli, ma riguardano soprattutto la cura e l'anima, del benessere nervoso, critico. De Rosa è un brillante lauterato in psicologia, che può anche tornare utile nella mansione di capo dei vigili urbani, ma che dovrebbe essere sottesa a una competenza che ti può arrivare da una laurea in giurisprudenza. Proprio la laurea che ha nella sua cornice Peppe De Lucia, recente candidato per Fratelli d'Italia alle elezioni politiche di fine febbraio, e scalpitante esponente del gruppo I Sammaritani, alla ricerca di un posto al sole. Il sindaco Di Muro ha garantito che subito dopo il sol leone lui entrerà in giunta. Dunque questo ha placato per il momento la giusta contestazione che Peppe De Lucia, che per qualche anno ha operato come avvocato in provincia di Napoli, ritrasferendosi poi nella nativa Santa Maria C.V, ha fatto nei momenti in cui pure lui ha avuto la percezione che De Rosa navigasse col vento in poppa verso il riconoscimento definitivo di comandante. Un posto, quest'ultimo che, a quanto pare, lo stesso De Lucia ha agognato e agognerebbe ancora. Vedremo cosa succederà. G.G.