Cronaca Bianca

Antares, dopo gli anni della persecuzione da parte dell'Asl, risponde per le rime alle accuse dell'Ugl

Durissimo il comunicato stampa dell'azienda titolare di un centro di riabilitazione a San Nicola La Strada. IN CALCE ALL'ARTICOLO UN DOCUMENTO CHE RICOSTRUISCE SECONDO IL PUNTO DI


Durissimo il comunicato stampa dell'azienda titolare di un centro di riabilitazione a San Nicola La Strada. IN CALCE ALL'ARTICOLO UN DOCUMENTO CHE RICOSTRUISCE SECONDO IL PUNTO DI VISTA DI ANTARES FATTI GRAVISSIMI CHE SI SAREBBERO VERIFICATI DURANTE UNA RIUNIONE IN CUI SI DISCUTEVA DELLA MESSA IN CASSA INTEGRAZIONE DI 31 DIPENDENTI PRESSO L'ASSESSORATO AL LAVORO DELLA REGIONE   CASERTA - Le vessazioni, i soprusi, subiti dal centro di riabilitazione Antares di San Nicola La Strada sono state oggetto di decine e decine di articoli pubblicati da Casertace e anche di un paio di inchieste, in cui abbiamo dimostrato, carte alla mano, il doppiopesismo usato dall'Asl di Caserta, nei confronti di questo centro di riabilitazione che cura centinaia e centinaia di persone, tra cui molti bambini, dando lavoro ad altre centinaia di persone. Antares è stato messo in condizione di andare in crisi. Decine di milioni di euro non corrisposti, procedure giudiziarie lunghissime e il rischio concreto per tantissime famiglie di perdere l'unico mezzo di aiuto e di sostentamento. Di fronte a questa autentica persecuzione, Antares ha avviato la procedura per la messa in cassa integrazione di 31 dipendenti e su questa vicenda, l'Ugl di Caserta ha scatenato una velenosa polemica a cui oggi, Antares risponde per le rime. " Si tratta di un attacco - recita una nota stampa inviata dall'amministrazione del centro Antares - anzi di un comportamento antisindacale e scorretto". A questo punto il comunicato affronta una questione delicata, accusando l'Ugl di essere diventata strumento di oblique strategie d'attacco che avrebbero una regia politica e non sindacale. "La nota dell'Ugl mira chiaramente a perseguire finalità esclusivamente politico-strumentali, dal momento che di tutte le sigle sindacali (CGIL, CISL, UIL, FIDL, FESICA, UGL) che hanno partecipato alla trattativa relativa alla collocazione in Cassa Integrazione Straordinaria dei 31 dipendenti, L'UGL è stata l'unica a formulare le accuse false". Antares invita l'Ugl "a gettare la maschera" facendo chiaramente sapere per quale partito agisce. A proposito delle accuse dell'Ugl queste riguardano anche delle presunte carenze strutturali di tipo sanitario che si registrerebbero all'interno degli impianti. Antares si mostra sicuro e auspica "un'immediata ispezione da parte degli organi competenti". Inoltre l'amministrazione Antares denuncia un episodio che si sarebbe verificato il 9 maggio scorso negli uffici dell'assessorato al Lavoro della Regione Campania. Un episodio che potete leggere integralmente cliccando sul link qui in basso. Gianluigi Guarino CLICCA QUI PER LEGGERE IL DOCUMENTO ATTRAVERSO CUI ANTARES RICOSTRUISCE LA RIUNIONE DEL 9 MAGGIO SCORSO IN REGIONE