Politica

S. MARIA C. V. - "Del doman non c'è certezza", ma Troianiello firma un contratto per diventare vicesindaco il 14 ottobre del 2014

Abbiamo scoperto che ieri sera, giovedì, nella riunione del Pd, aleggiava l'anima di Lorenzo il Magnifico che si è scompisciato dalle risate. Altra promessa, stavolta a medio te


Abbiamo scoperto che ieri sera, giovedì, nella riunione del Pd, aleggiava l'anima di Lorenzo il Magnifico che si è scompisciato dalle risate. Altra promessa, stavolta a medio termine: Peppe De Lucia sarà assessore al posto di Busico, ma non prima di luglio, agosto   SANTA MARIA CAPUA VETERE - Lorenzo Di Pietro de' Medici, a tutti noto come Lorenzo il Magnifico, non era solo un valente scrittore, un poeta di un tempo che già declinava i prodromi di un rinascimento del tutto evidente in tante cose, nei segni illuminati di certe corti come quella del versatile fiorentino, ma era anche un politico capace, dato che aveva una importante responsabilità istituzionale di governante. Se lo spirito di Lorenzo il Magnifico avesse aleggiato ieri sera, giovedì sulla riunione del Pd di Santa Maria Capua Vetere ( anche se è un po' difficile che l'anima di Lorenzo il Magnifico si sia a tal punto rincitrullita dal passare da queste parti) l'avrebbe fatto prorompere in una grassa risata ascoltando il contenuto dell'accordo interno raggiunto per l'ingresso in giunta di Carlo Troianiello, il quale non fa mistero di voler acquisire la carica di vicesindaco. In base a dei calcoli piuttosto acrobatici si è arrivati ad un documento in cui è scritto che Carlo Troianiello diventerà vicesindaco di Santa Maria Capua Vetere il 14 ottobre del 2014, al posto dell'attuale titolare della poltrona di numero due dell'amministrazione comunale, Scirocco.  Lorenzo il Magnifico ammoniva invitando tutti a occuparsi molto più del presente, magari spassandosela che del "doman non c'è certezza". Ora se non c'è certezza nel doman, quali certezze ci possono mai essere che fra un anno e mezzo Troianiello possa diventare vicesindaco di Santa Maria Capua Vetere? Come avere un assegno post datato ad un anno e mezzo firmato da persone, che è molto probabile tra un anno e mezzo non potranno onorarlo o non vorranno onorarlo. Ma dato che da quelle parti ieri sera, aleggiava l'anima del Lorenzo, è molto probabile che al suo fianco ci fossero i suoi due amiconi dei suoi Canti Carnascialeschi, Bacco ed Arianna. Probabilmente, dunque girava qualche bicchiere in più, anche perchè il resto della storia non è che sia meno avventuroso. Nell'allargamento della giunta, infatti, il gruppo I Sammaritani otterranno subito l'assessorato con Carmine Munno. Ugualmente lo otterrà Peppe Rinaldi, a cui daranno forse la delega ai Balconi Fioriti. Non finisce qui. Il sindaco Di Muro ha promesso a I Sammaritani che a luglio, agosto congederà dalla giunta l'assessore Busico sostituendolo con Peppe De Lucia, uno che alle ultime elezioni politiche ha sostenuto Fratelli D'Italia, candidandosi alla Camera. Si dà il caso che Peppe De Lucia sia anche componente del direttivo provinciale del partito guidato da Gimmi Cangiano. Dunque la nuova giunta sarebbe molto composita. Farebbe perno sul Pd, ma dentro ci sarebbero anche esponenti limpidamente schierati nel centro destra. Guardando un po' in giro in quella stanza, l'alone dello spirito di Lorenzo è sparito, ma in lontananza si ode l'eco di quella ebbra risata. Gianluigi Guarino