Politica

SESSA A. - Grimaldi pugnalato da Del Mastro. Tutte le indiscrezioni sulla nuova giunta Tommasino, Di Iorio

Il sindaco non si cura degli ultimatum dei partiti, li scavalca e tratta direttamente con i consiglieri dissidenti   SESSA AURUNCA - Il sindaco Tommasino fa fuori in un s


Il sindaco non si cura degli ultimatum dei partiti, li scavalca e tratta direttamente con i consiglieri dissidenti   SESSA AURUNCA - Il sindaco Tommasino fa fuori in un sol colpo i due partiti Udc e Nuovo Psi e tenta di andare avanti con una maggioranza striminzita. Le dichiarazioni del primo cittadino sessano rilasciate stamattina, mercoledì ad un quotidiano locale non lasciano dubbi. Dopo aver sottolineato che non cederà alla richiesta dell’azzeramento della giunta, Tommasino ha dichiarato senza mezzi termini che “ non si parla con i partiti bensì con i consiglieri comunali dissidenti”. In parole povere Tommasino si scaglia contro il responsabile dell’Udc Marcello Rocco ma soprattutto contro il coordinatore del Nuovo Psi Marco De Santis e del suor referente regionale Massimo Grimaldi. Proprio di quest’ultimo il sindaco non ha raccolto la mano tesa resa nota dalle ultime dichiarazioni del consigliere regionale che spingeva il sindaco a trovare una soluzione condivisa e ad eliminare quantomeno la differenza tra i vari assessori, qualcuno di serie A altri di serie B. E un’altra pugnalata a Grimaldi arriva proprio da uno dei suoi consiglieri che avallando la tesi del sindaco ha laconicamente dichiarato: “ Sono disponibile a restare con Tommasino”, ossia tradotto in parole povere “ del partito non mi frega niente”. Quindi Tommasino pronto a continuare con otto consiglieri di maggioranza più il suo voto. Ma la stessa fascia tricolore è intenzionata comunque a chiamare i due consiglieri dissidenti, Crispino e Rocco per cercare di convincerli a rientrare anche senza l’appoggio dei partiti. In pratica Tommasino vuol ricomporre una maggioranza di consiglieri e non di schieramenti politici. Come si comporteranno ora i due partiti Udc e Nuovo Psi? Come prenderà Grimaldi questo ennesimo affronto di Tommasino e di Del Mastro? Cosi come si legge anche su qualche analisi politica locale su internet sembrerebbe proprio che Tommasino abbia definitivamente abbandonato i migliori sponsor delle sua candidatura, ossia l’Udc dei fratelli Rocco, per essere sostenuto dai nuovi amici che ruotano tutti intorno al super assessore Di Iorio e al nuovo dirigente Valletta. Intanto se le posizioni politiche rimarranno tali il sindaco dovrà ricomporre la giunta e riassegnare le deleghe di vice sindaco e di assessore alle finanze che saranno lasciate dai due Udc. E qui potrebbero nascere i primi problemi per la nuova maggioranza. Sicuramente una casella la occuperanno il duo Cioffi- Gagliardo e l’altra? Chi indicherà l’assessore Pecunioso e Loffredo? E Del Mastro riuscirà a tenere in giunta l’assessore Casale o alla fine gli sarà soffiato il posto da qualcun altro? Un altra ipotesi potrebbe essere la famosa composizione del gruppo dei responsabili, ma comunque di questo ne parleremo appena scadrà l’ultimatum di giovedi imposto da Udc e Nuovo Psi.